Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

16 Aprile 2013 | Attualità

Grande schermo a passo di gambero

Continuano i tormenti dei cinema italiani, fiaccati da una lunga crisi che negli ultimi anni ne ha gradualmente ridotto i guadagni. Il 2012 non ha fatto eccezione, come dimostrano i dati ufficiali dell’Anica (-10% sui dodici mesi) , e anche il 2013 è iniziato con un passo indietro. Nel primo trimestre, infatti, gli esercenti hanno registrato una flessione degli incassi del 5% rispetto al medesimo periodo di un anno fa. Se le sale piangono miseria, nonostante l’inverno lungo e piovoso abbia garantito presenze superiori alle attese per tutte le settimane di marzo, i produttori hanno qualche motivo per sorridere. Le produzioni italiane ha segnato una crescita dell’1,07% nel 2012 , grazie soprattutto alla tax credit, che ha fruttato 87 milioni di euro di agevolazioni fiscali, distribuiti tra settantanove lungometraggi. Nel complesso, per i 167 film italiani completati lo scorso anno sono stati spesi 337 milioni di euro, alimentando un mercato che sembra dare inattesi segnali di vitalità.

Guarda anche:

SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...
Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...