Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

15 Marzo 2013 | Attualità

Hawaii Five-O, il colpevole lo si decide via Twitter

Indica il colpevole: questo l’invito rivolto ai telespettatori di Hawaii Five-O in occasione della puntata L’isola proibita in onda lunedì 18 marzo su Rai 2, all’interno di una speciale prima serata tutta dedicata alla serie statunitense. La squadra di Hawaii Five-O sarà impegnata nelle indagini sulla morte di un professore della O’ahu State University: i tre sospettati sono il preside, un assistente e uno studente. Dopo che tutti e tre avranno esposto le loro motivazioni nell’arco della puntata, il pubblico potrà scegliere il colpevole, mandando un tweet con l’hashtag del colpevole che si vuole votare : #ilPreside #LoStudente #Lassistente Durante la messa in onda il personaggio più votato determinerà il finale della puntata. L’iniziativa si è svolta con successo negli Stati Uniti d’America lo scorso 14 gennaio, quando sulla Cbs è andato in onda l’episodio. La cosa curiosa è che, a causa della differenza di fuso orario tra East e West Coast, i finali per la puntata di Hawaii Five-O sono stati diversi nelle diverse zone del continente americano.

Guarda anche:

SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...
Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...