Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Maggio 2008 | Attualità

Hollywood: produttori chiudono dialogo con attori

La minaccia dello sciopero si ripresenta: i produttori hollywoodiani hanno interrotto le trattative contrattuali con la corporazione degli attori, definendo le richieste relative alla vendita di dvd e ai contenuti online “irragionevoli”. Il sindacato attori ha replicato indicando la sospensione del dialogo “inopportuna”; le parti hanno comunque garantito di voler evitare le lungaggini che hanno caratterizzato la polemica televisiva di febbraio. Il contratto per i film e i programmi tv del prime time scadrà il 30 giugno. Le proposte avanzate dai sindacati servirebbero a garantire agli attori percentuali più ampie dalla vendita di dvd e film o show online, la screen actors guild ha chiesto inoltre nuove regole per l’uso di videoclip e del materiale d’archivio.  Il presidente della corporazione attori (sag), Alan Rosenberg, si è dichiarato terribilmente deluso e ha aggiunto: “non voglio pensare o parlare di sciopero fino a che sono convinto che non possiamo andare avanti nei negoziati. E non sono ancora a questo punto”

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.