Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Luglio 2008 | Attualità

I Centoautori scrivono a Bondi dopo averne chiesto le dimissioni

In risposta alle dichiarazioni riportate dal ‘Corriere della sera Magazine’ del 17 luglio, i Centoautori scrivono al ministro per i Beni e Attività Culturali Sandro Bondi, spiegando le ragioni “politiche” della richiesta di dimissioni avanzata dal regista Paolo Virzì . “Lei che è un politico sa bene come a volte si possano esprimere posizioni personali. Ci sono invece altre volte in cui queste posizioni sono condivise da una consistente maggioranza. Nel caso specifico, le sue dimissioni richieste da Paolo Virzì avevano un sostegno unanime tra gli autori di cinema . Ed erano state richieste nella consapevolezza che l’ abolizione della norma sul tax credit fosse un segnale profondamente negativo nei confronti del cinema italiano , da parte del Governo di cui Lei fa parte come Ministro per i Beni e le Attività Culturali. La lettera prosegue: “Una presa di posizione ‘politica’ che, forse, ha contribuito a far sì che la norma in questione venisse poi reintrodotta. Le esprimiamo comunque la nostra soddisfazione per il reintegro dell’importante provvedimento , per noi solo il primo passo verso una nuova legge di sistema e una necessaria nuova visione del cinema italiano da parte della politica. E’ in questa direzione che ci auguriamo una proficua e reciproca collaborazione”.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.