Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

6 Novembre 2021 | Attualità, DISINFORMATIONAL

I numeri sono importanti: letture imprecise di dati su morti Covid

Con un comunicato, l’Istituto Superiore di Sanità ha corretto l’errata interpretazione sui dati relativi alle vittime del Coronavirus in Italia contenuta in un pezzo giornalistico pubblicato da Il Tempo.

Secondo un editoriale pubblicato dal quotidiano Il Tempo sul tema delle morti per Covid in relazione a un report dell’Istituto Superiore di Sanità del 19 ottobre, gli effetti della pandemia non sono stati così gravi come avvenuto nella realtà. All’articolo, che ha fatto molto discutere, è seguita la risposta dell’ISS che con un comunicato stampa del 25 ottobre ne ha smentito il contenuto su una questione così delicata e importante. Una replica resa necessaria dalla diffusione dell’interpretazione errata contenuta nell’editoriale nel frattempo ripresa da altri osservatori e da gruppi sui social media.

La constatazione dell’autore dell’editoriale è legata a un numero che senza alcuna base scientifica quantifica nel 2,9% i decessi per Covid. Dove sta l’errore? Nell’aver considerato solo la cifra di persone morte per Covid senza malattie pregresse. Queste sarebbero le uniche vittime del coronavirus in base all’articolo de Il Tempo. Non si considera che, pur in presenza di altre patologie, senza il contagio non si sarebbero verificate conseguenze mortali.

L’ISS ha dunque risposto all’erronea interpretazione fatta dal giornalista in merito alle conclusioni del report, ricordando che in base ai rapporti ISTAT-ISS stilati sulla base dei certificati di morte, la COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi di persone positive al test SARS-CoV-2.

L’ISS ha inoltre precisato che le patologie croniche sono estremamente comuni nella popolazione anziana, per cui anche in chi è stato infettato dal SARS-CoV-2, ma che non è corretto affermare che queste patologie avrebbero comunque portato a decesso “in tempi brevi”. L’Istituto ha poi ricordato anche che queste patologie croniche sono “un elemento di fragilità in genere compensato con appropriate terapie: il contrarre una infezione come SARS-CoV-2 si traduce in un aumentato rischio di complicanze e di morte”.

 

di Valentina Colombo

Guarda anche:

Due dei reperti di San Casciano - dal sito dei Beni Culturali

Dagli scavi al museo a San Casciano dei Bagni

Nella località toscana, protagonista nei mesi scorsi di un prezioso ritrovamento di statue etrusco-romane, sorgerà un museo dedicato. La località di San Casciano dei Bagni, in provincia di Siena,...

Laura Pausini festeggia 30 anni di tour

La cantante ha annunciato due date, presto divenute cinque, che lanceranno il suo world tour a partire dall’estate 2023. Non c'è due senza tre e il quarto vien da sé… Ma alla Pausini non basta e dà...

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...