Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

31 Marzo 2023 | Ambiente, Attualità, Innovazione

I social networks utili alla scienza: rivelano l’invasione della gazza marina nel Mediterraneo

Un esperimento di citizen science condotto da ricercatori del Cnr, della Stazione Zoologica “Anton Dohrn” e delle Università di Siena e Palermo, monitora gli spostamenti degli esemplari di Alca torda – più comunemente nota come gazza marina – nei mari italiani, un ambiente non convenzionale per tale specie. I risultati sono pubblicati sulla rivista Animals

Un team di ricercatori della Stazione Zoologica “Anton Dohrn” in collaborazione con colleghi dell’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze (Cnr-Iret) e delle Università di Siena e Palermo, grazie a un innovativo esperimento di citizen science e all’aiuto dei più diffusi social networks, hanno monitorato gli spostamenti degli esemplari di Alca torda – più comunemente nota come gazza marina – nei mari italiani.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Animals, si è concentrato su una specie tipica dell’Atlantico e dei mari del Nord che oggi si ritrova con sempre maggiore frequenza alle nostre latitudini. Proprio per descrivere questa singolare invasione – sulle coste italiane così come della Grecia e della Libia – e misurare quanto la componente dei dati derivanti dai social risultasse significativa rispetto ad altri metodi di raccolta, i ricercatori hanno condotto una ricerca in mare aperto, integrando le informazioni raccolte dai social con dati acquisiti da piattaforme online di citizen science e il supporto di Lega Navale e Area Marine Protette, operatori del settore pesca sensibili al tema che operano nell’ambito della protezione marina.

Questa particolare specie, che può ricordare i pinguini per la livrea bianconera, è in realtà un uccello dotato di notevole capacità di volo, che può effettuare anche voli subacquei fino a 100 metri di profondità”, spiega Angelo Viviano, ricercatore del Cnr-Iret coinvolto nello studio. “Il progressivo spostamento verso le nostre coste di questi uccelli sembra indotto da più fattori: da un lato i sempre più frequenti fenomeni atmosferici estremi – come le tempeste atlantiche abbattutesi durante l’inverno sulle coste portoghesi – che potrebbero averli spinti a trovare riparo nel Mediterraneo. Un altro elemento può essere rappresentato dall’impoverimento dei Mari del nord, sempre più caldi e sfruttati dall’industria della pesca, o più in generale da una diversa distribuzione delle risorse alimentari, che potrebbero aver indotto le gazze a cambiare rotta alla ricerca di nuove prede”.

L’esperimento, preceduto da una serie di incontri pubblici volti a far conoscere l’avifauna pelagica e la sua importanza nel sistema mare, ha dimostrato come la scienza partecipata o citizen-science, nata negli Stati Uniti a inizio ‘900 proprio in un contesto di censimento ornitologico, sia oggi uno strumento prezioso per la comunità scientifica per comprendere questioni ambientali e aspetti legati alla biodiversità. “In questo caso, il flusso costante di post ci ha permesso di ricostruire il fenomeno con sempre maggiore nitidezza, consentendo di vedere in tempo reale direzione e portata degli spostamenti delle gazze”, conclude Vivano.

Il contributo dai social ha permesso di acquisire la maggioranza dei dati utili a descrivere il fenomeno (complessivamente il 35,2% dei dati), in particolare da Facebook, e dai fotografi naturalisti che hanno condiviso foto di questi uccelli da tutte le regioni della costa tirrenica, dalla Puglia e dalle Isole Maggiori.

Per capire la rilevanza di questa percentuale basta pensare che, per questo studio, le osservazioni compiute da uscite ornitologiche mirate hanno rappresentato il 17% dei dati, mentre altri dati sono stati acquisiti da strumenti complementari come form distribuiti a soci della Lega Navale, che hanno influito per il 14,2%. Inoltre, i dati derivanti dai social sono preziosi perché comprendono sia informazioni “da terra”, cioè avvistamenti presso porti e lungomari cittadini, sia dal mare, grazie al contributo di velisti”, aggiunge Rosario Balestrieri, Stazione Zoologica “Anton Dohrn”. “In sole tre settimane, tra novembre e dicembre, sono pervenute centinaia di osservazioni, fra queste sono state scremate quelle che potevano riguardare gli stessi individui (per evitare doppi conteggi) ed eliminate quelle prive di un’adeguata documentazione fotografica: grazie a tali osservazioni si è potuta censire – nel solo giorno del 27 novembre – la presenza di 747 gazze marine nei mari italiani, un numero probabilmente sottostimato, visto che si tratta di una specie pelagica incline a stazionare anche in mare aperto”.

di Luisa D’Elia

Guarda anche:

vegetali - Nika_Akin

L’Erbario centrale italiano di Firenze diventa digitale

Oltre due milioni di campioni vegetali, cui si aggiungono i 2 milioni provenienti da altre collezioni. Diventeranno file entro l'agosto 2025, grazie a 7 milioni di finanziamento. Trasformare...

È in Italia la città in cui si mangia meglio al mondo

Ad affermarlo è una ricerca fatta dalla rivista Time Out che ha eletto Napoli, con la sua pizza Margherita, vincitrice fra 20 città del mondo. Al secondo posto Johannesburg e al terzo Lima. Per...
medici di base - congresso

In Italia mancano i medici di base

A lanciare l'allarme un congresso in Lombardia della Società Italiana dei Medici di Medicina Generale e delle Cure Primarie. Meglio non stare male in Italia, nemmeno in una regione ricca come la...