Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

28 Aprile 2009 | Economia

Ibm ha in cantiere un computer intelligente

Ibm, secondo quanto riferito dalla stessa azienda, avrebbe quasi terminato il progetto di un computer intelligente, in grado di rispondere a domande e quiz in maniera molto simile a quella di un concorrente umano. La compagnia americana vorrebbe testare il proprio supercomputer facendolo partecipare a Jeopardy, famoso programma televisivo d’oltreoceano simile al nostrano Rischiatutto. Questo per dimostrare come, dopo anni di studio ed esperimenti, sia riuscita a sviluppare un’intelligenza artificiale in grado di interagire col contesto sulla base di analogie, giochi di parole e relazioni non finite (a differenza, per esempio, di quanto avviene nei giochi su computer, in cui l’avversario artificiale basa le sue scelte su opzioni a numero limitato). Gli esperti di settore sono però scettici riguardo al can can fatto da Ibm: “ Secondo me è più una dimostrazione che una grande sfida ” ha detto Peter Norvig, informatico e direttore della Ricerca di Google. Il vero discrimine tra un’intelligenza artificiale e una umana, infatti, è la capacità di quest’ultima di organizzare i dati in suo possesso e andarli a ripescare correttamente quando richiestole. Un calcolatore può essere in grado di memorizzare miliardi di dati, ma se non è in grado di capire il significato di una frase la sua intelligenza è pari a zero A quanto pare, l’esperimento di Ibm, in un recente test, avrebbe definito un lenzuolo come ‘un frutto’ Di strada da fare il supercomputer ne ha ancora parecchia.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...