Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

22 Dicembre 2008 | Attualità

Il cinema riappare in Arabia Saudita

Bandito da trent’anni in Arabia Saudita, il cinema ha fatto una timida riapparizione nel regno ultra conservatore con la recente proiezione in due città, Jeddah e Taef, di un film intitolato Munahi, che ha ottenuto un enorme successo. Il film, proiettato per una decina di giorni e fino al 17 dicembre, è una commedia che racconta le disavventure degli speculatori in borsa e pur non contenendo alcuna scena osé, ha dato vita a diverse polemiche . La reazione dei gruppi religiosi e conservatori, che vedono nell’arte cinematografica qualcosa di deplorevole,  ha comunque fatto capire che le sale cinematografiche non riapriranno prossimamente. “ Il cinema è un male assoluto ”, ha dichiarato a più riprese il capo della potente polizia religiosa saudita Ibrahim al-Gaith, che qualche giorno dopo si è corretto aggiungendo “ Il cinema potrebbe essere accettabile se servisse la causa di dio e del bene ” Il governatore di La Mecca, il principe Khaled Al-Faycal, aveva appoggiato l’iniziativa, ma comunque durante la visioni erano presenti alcuni membri della polizia religiosa che ne hanno verificato la castità delle scene. L’organizzatore delle proiezioni, il direttore artistico Mamdouh Salem, ha così commentato l’evento: “Il successo ha superato ogni aspettativa. E’ un’esperienza eccitante la visione dell’immenso successo riscontrato tra il pubblico assetato di cinema ”. La pressa alle due sale che proiettavano il film, una riservata agli uomini e una alle donne, era evidentemente tanta, data i trenta anni di astinenza al cinema a cui sono stati costretti gli abitanti dell’Arabia Saudita. Durante le festività M.Salem ha dichiarato di voler continuare a organizzare spettacoli cinematografici

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.