Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

28 Marzo 2007 | Attualità

Il copyright si adatta al digitale

La Creative Commons ha proposto uno schema “open-source” di licenze flessibili per la protezione della libertà intellettuale. La versione 3.0 propone inoltre un doppio formato, uno dedicato agli Stati Uniti e uno con valenza internazionale.  Le Creative Commons sono nate nel 2001 su iniziativa di un docente di diritto d’autore della Stanford Law School, Lawrence Lessing. L’obiettivo è quello di fornire un modello di copyright adatto ai problemi di condivisione posti dalle nuove tecnologie digitali.  Una possibilità offerta dalle licenze Creative Commons è quella di rendere possibile la condivisione legale su internet . In Italia l’associazione è attiva dal dicembre del 2004 e si occupa dell’adattamento dello schema di licenze al quadro legislativo italiano. Il coordinatore delle Creative Commons italiano è Juan Carlos De Martins, che ha specificato che le licenze CC saranno sempre incompatibili con qualsiasi forma di Digital Right Management (Drm).  “Fino a oggi le licenze vietavano di aggiungere un controllo tecnologico all’opera. Abbiamo deciso, dopo un lungo ragionamento, di mantenere il divieto. I ragazzi di Debian (una distribuzione di Linux) proponevano di lasciare all’autore la possibilità di inserire i drm a patto di distribuire parallelamente una versione senza protezioni. Ma ci è sembrato un procedimento macchinoso”, ha precisato De Martins.

Guarda anche:

Sanremo 2023: al via la 73° edizione del Festival della Canzone Italiana

La 73° edizione del Festival di Sanremo si svolgerà dal 7 all’11 febbraio. Il quarto show targato Amadeus vedrà tra una settimana 28 cantanti in gara (22 big e 6 giovani) in cinque serate, e super...

La medicina può prevedere l’ansia con l’analisi della materia grigia

Secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’università di Trento e  pubblicato sulla rivista Sensors la medicina può prevedere l’insorgere dei sintomi e dei disturbi dovuti all’ansia attraverso...

Italiani, navigatori, poeti, turisti e … ospitanti

L’Italia, con 72.869 ingressi, è la prima nazione nella classifica dei turisti esteri in Giordania nel 2022; la classifica redatta dal ministero del Turismo e delle antichità giordano vede al 2° e...