Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Maggio 2011 | Innovazione

Il mobile marketing salta in alto

Il futuro, ma anche il presente, del marketing è mobile. Con la diffusione sempre più capillare degli smartphone, delle reti wifi e in generale dei dispositivi in grado di connettersi a internet quasi ovunque, gli investimenti nel settore della pubblicità e della promozione mobile sono destinati a sestuplicarsi nel periodo tra il 2010 e il 2015.   Le previsioni di Mobitrove per il mercato statunitense parlano di introiti per 56,5 miliardi di dollari entro la metà degli anni Dieci. Lo scorso anno, il settore valeva 9,3 miliardi di dollari. Spot, banner e affini domineranno la scena, raggiungendo i 41 miliardi di dollari nel 2015. Ma cresceranno anche i ricavi derivati dalle così dette offerte speciali, che toccheranno quota 15,4 miliardi di dollari.   L’adv mobile sarà fortemente indirizzato ai diversi mercati nazionali , con gli Stati Uniti a fare da riferimento e avanguardia mondiale, con il 29% dei consumatori che nel 2010 hanno fatto almeno un acquisto via smartphone (dati raccolti da Oracle).

Guarda anche:

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...
Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino grazie al Pnrr

Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino da Torino a Palermo

Dai fondi del Pnrr arriva un finanziamento di 950 mila euro per prevenire la malattia che ha portato via Gianluca Vialli (e altre 12 mila persone ogni anno). Un vaccino 2.0 a Dna per la cura del...
Heal Italia, medicina di precisione

Medicina di precisione, è partito il progetto Heal Italia

Un partenariato di 12 università e 13 istituzioni pubbliche e private non partecipate dal MUR lavorerà per tre anni, con advisory board internazionali, per condividere dati e trovare cure sempre più...