Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Ottobre 2023 | Attualità, Innovazione

Il Nobel per la Fisica 2023 ha origini in Italia

Uno studio del Politecnico di Milano citato nel documento con le motivazioni al premio appena assegnato ad Agostini, Krausz e L’Huiller

Tra le condizioni che hanno supportato alcuni degli studi alla base del Nobel per la Fisica 2023 c’è anche il lavoro svolto dai ricercatori guidati dal professor Mauro Nisoli, al Politecnico di Milano. A dirlo sono stati i membri della Commissione per il premio assegnato il 3 ottobre dall’Accademia di Stoccolma, nel documento di approfondimento sui fondamenti scientifici del lavoro di Pierre Agostini, fisico franco-americano  che insegna negli Stati Uniti; Anne L’Huillier, fisica francese che insegna in Svezia (nonché quinta donna a ricevere il Nobel per questa materia; Ferenc Krausz, fisico ungherese che ha fatto della Baviera la sua seconda casa.

Tra i tanti paesi del mondo che hanno in qualche contribuito a creare le condizione per la formazione e il lavoro dei tre vincitori di quest’anno, c’è anche l’Italia, per la precisione Milano e il suo Politecnico: “Il percorso verso gli impulsi ad attosecondi isolati ha richiesto sviluppi tecnici che Krausz ha esplorato insieme al suo gruppo di ricerca a Vienna, in collaborazione con il gruppo di Mauro Nisoli a Milano. La collaborazione Milano-Vienna – prosegue il testo della commissione svedese – ha portato alla produzione di quelli che allora erano gli impulsi più brevi di sempre”. Nel 1997, infatti, Nisoli andò a Vienna per eseguire la compressione di impulsi laser ad alta energia con la tecnica di fibra cava, a sua volta basata sull’uso di un capillare di vetro riempito con gas nobili inventata al Dipartimento di Fisica del Politecnico nel 1996.

Nello specifico, Krausz avrebbe poi usato quegli impulsi compressi per generare per la prima volta i suoi impulsi ad attosecondi. Non è peraltro la prima volta che il Poli, come viene abbreviato dai suoi studenti, viene riconosciuto come “pre-condizione” per i Nobel. Gerard Mourou, vincitore per la Fisica nel 2018, venne al Politecnico l’anno dopo per una lezione e ne approfittò per complimentarsi con  “il professor Orazio Svelto da 40 anni e il suo gruppo qui al Politecnico è tra i migliori in Europa e al mondo nel campo”.

di Daniela Faggion
Studi da Nobel al Politecnico di Milano

Guarda anche:

Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Lago di montagna - ph. kordi_vahle

Laghi alla plastica su Alpi e Prealpi italiane

Una ricerca in collaborazione con le Università di Milano e del Piemonte Orientale svela una massiccia presenza di microplastiche anche in alta quota Microplastiche, frammenti e residui di...