Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

9 Febbraio 2024 | Ambiente, Innovazione

Il robot si fa “soft”

E venne il giorno in cui fu inventato il robot capace di allungarsi e muoversi come una pianta rampicante.

Come anticipato dalla rivista Science Robotics, la nuova generazione di robot pianta è stata messa a punto nell’ambito del progetto europeo GrowBot, coordinato dalla dott.ssa Barbara Mazzolai, dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova.

I semi delle Geraniaceae rappresentano un modello nella soft robotica grazie alla loro capacità di muoversi autonomamente attraverso e nel terreno, guidati dai cambiamenti di umidità.

Il segreto della loro mobilità e adattabilità è racchiuso nelle strutture gerarchiche e nelle caratteristiche anatomiche dei tessuti biologici igroscopici, geometricamente progettati per rispondere selettivamente all’umidità ambientale.

Seguendo un approccio bioinspired, sono stati studiati la struttura interna e la biomeccanica dei semi di Pelargonium appendiculatum per sviluppare un modello per la progettazione di un soft robot, sfruttando la capacità di rimodellamento dei materiali stampati in 4D.

Il robot è così in grado di imitare il movimento e le prestazioni del seme naturale, raggiungendo un valore di coppia di ≈30 µN·m, una forza estensiva di ≈2,5 mN ed è in grado di sollevare ≈100 volte il proprio peso.

Spinto dai cambiamenti di umidità ambientale, il seme artificiale è capace di esplorare un terreno campione, adattando la sua morfologia per interagire con le asperità e le fessure del terreno.

Fra le possibili applicazioni ci sono il monitoraggio ambientale, per le misurazioni dell’inquinamento in aree pericolose e l’esplorazione di ambienti naturali impervi, proibitivi e sconosciuti.

(Foto ANSA)

Guarda anche:

la vera origine dei numeri decimali - ph. cheskapoondesignstudi

I numeri decimali hanno 150 anni in più del previsto e sono italiani

Erano usati già nel 1400 da un mercante veneziano. Si pensavano introdotti da un matematico tedesco a fine '500 Utilizzati da un mercante veneziano già nel 1440, i numeri decimali avrebbero 150 anni...
Lago di montagna - ph. kordi_vahle

Laghi alla plastica su Alpi e Prealpi italiane

Una ricerca in collaborazione con le Università di Milano e del Piemonte Orientale svela una massiccia presenza di microplastiche anche in alta quota Microplastiche, frammenti e residui di...
Wood Architecture Prize - Roberto Rocca Innovation Building

A Milano una costruzione premiata per l’architettura in legno 

Il Roberto Rocca Innovation Building di Filippo Taidelli Architetto si è aggiudicato il Wood Architecture Prize by Klimahouse, primo premio italiano per l'architettura in legno Il Roberto Rocca...