Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Maggio 2021 | Economia

Il Salone del Mobile di Milano lancia il guanto di sfida alla pandemia

L’evento che conta 2.500 espositori e quasi 400mila visitatori crea la formula per cercare di convivere con la pandemia.

L’associazione italiana di categoria FederlegnoArredo che organizza il salone del Mobile ha annunciato che si farà nelle date previste, dal 5 al 10 settembre all’interno di Fiera Milano. 

Dopo le polemiche, le tensioni e gli strappi interni, la manifestazione è stata confermata, in una “veste inedita”, attenta a valorizzare le novità, le tecnologie e i progetti delle aziende. Saranno dunque esposti prodotti realizzati non prima degli ultimi 18 mesi, consentendo quindi una riduzione degli investimenti necessari all’allestimento e liberando spazi a un maggior numero di imprese interessate a presentarsi.

Molti dettagli restano ancora da chiarire, sia riguardo la partecipazione delle aziende, sia riguardo l’integrazione tra l’evento all’interno del polo fieristico di Rho e le presentazioni che molti marchi intendono organizzare in città, all’interno degli showroom, che col Fuori Salone fanno da cornice mondana all’evento espositivo dedicato agli operatori.

Resta infine da capire quanti visitatori potranno arrivare e da quali Paesi, nell’incertezza generale che ancora si lega allo sviluppo della pandemia. 

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.