Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

30 Marzo 2006 | Attualità

IMPARARE CON IL PC: UNO STUDENTE SU DUE SCEGLIE ANCHE INTERNET COME FONTE

Gli studenti italiani scelgono il pc per studiare. E’ quanto emerge dall’indagine “Studiare con il PC: un’indagine AIE Docet”, realizzata da Renato Mannheimer su incarico dell’Aie e di Docet. La ricerca indaga sulle modalità di utilizzo che i giovani tra i 10 e i 24 anni fanno delle tecnologie per lo studio. Sono stati intervistati mille ragazzi. Il 63% utilizza sia il pc sia i quaderni per fare i compiti contro il 27% di chi usa solo il cartaceo. Il 51% studia tanto sul libro di testo quanto sul materiale scaricato da internet. Il 24% utilizza solo i supporti tecnologici contro l’11% di chi si affida solo alla carta. Il tempo dedicato allo studio con gli strumenti tecnologici rappresenta in media circa un terzo (28%) del tempo complessivo trascorso per lo studio individuale. Dal prossimo settembre gli studenti di 550 scuole secondarie di secondo grado del Sud avranno a disposizione DiGi Scuola, la piattaforma digitale su cui saranno disponibili i contenuti digitali. Il progetto è finanziato con 26 milioni dal Cipe.

Guarda anche:

Pompei

La tecnologia entra nella storia di Pompei

Nuove iniziative sperimentali per il recupero di reperti del Parco archeologico di Pompei sono realizzate grazie al digitale e alla robotica e con il contributo di realtà italiane e internazionali....
Eustorgio

A Milano nasce il più grande archivio di documenti storici d’Europa

Il Comune di Milano ha approvato la realizzazione del nuovo impianto di archiviazione all’interno della Cittadella degli archivi di Milano. La ricerca dei documenti è affidata a Eustorgio, un robot...

Alimentari, fiore all’occhiello del Paese, i maggiori rincari nel 2022

Il 2022 si apre con un vero e proprio boom di rincari. Non solo l’ennesimo allarme contagi con la galoppante diffusione della variante Omicron in tutta Europa, ma a complicare la vita degli italiani...