Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

16 Febbraio 2024 | Ambiente, Attualità

In lavorazione “Alta Quota” sugli effetti del Climate Change

Ambientato sulle Alpi a cavallo fra Italia, Svizzera e Francia, il documentario vuole raccontare come vivono rifugiste e rifugisti tra turismo, vite estreme e ghiacci che si sciolgono

“Le conseguenze dell’aumento delle temperature sono ovunque sotto gli occhi di tutti, ma le montagne si stanno surriscaldando a velocità doppia rispetto al resto: per questo, in alta quota, l’impatto risulta ancora più devastante. I ghiacciai stanno sparendo, il permafrost si scioglie, vivere lì diventa sempre più estremo”. Il messaggio che i registi Fabio Mancari, Giacomo Piumatti e Stefano Scarafia porteranno al mondo con il loro film in lavorazione è forte, chiaro e devastante, come l’impatto che sta avendo l’innalzamento delle temperature sulle Alpi, vette che fino a qualche decina di anni fa avevano ghiacciai che chiamavamo “perenni”.

Ghiacciao_Monte_Civetta_Veneto

Ghiacciao_Monte_Civetta_Veneto

Frutto di una co-produzione italo-francese, il film viene realizzato nel corso di quest’anno in diverse località dell’arco alpino per mostrare la situazione odierna e le condizioni di vita in alta montagna, partendo dal punto di vista di chi gestisce rifugi oltre i tremila metri di altitudine. Sono i cosiddetti “rifugisti”, donne e uomini alle prese ogni giorno con nuove sfide, da quelle ambientali e logistiche a quelle che riguardano la gestione di diversi tipi di turismo che si sovrappongono in quota.

L’idea di fondo – spiegano i registi – è di “raccontare, senza pregiudizi, uno spaccato di questo mondo di frontiera tra umanità e natura, con le connessioni tra chi vive in alta quota, a volte in condizioni estreme, chi fa dell’alpinismo una ragione di vita e chi frequenta questi territori in modo occasionale, più inconsapevole”, e quindi a volte più rischioso. “Un mondo”, proseguono, “dove tradizione e modernità vengono a contatto e spesso si scontrano“. Il lavoro spera di fotografare un mondo destinato a mutare inesorabilmente e che necessita in fretta di un cambio di paradigma: un documentario che racconta un presente che è forse già memoria, ma parla anche di futuro.

Rifugio_Torrani_Veneto

Rifugio_Torrani_Veneto

Perché i rifugisti? “Salvo rare eccezioni, finora l’alta montagna è stata raccontata, tanto nel cinema quanto nella letteratura, attraverso grandi imprese, avventure mitiche o sfide estreme di alpinisti eroici”, concludono Mancari, Piumatti e Scarafia: “Nel nostro film, di eroi, non ce ne sono. Il punto di vista è quello di personaggi da sempre ai margini di quest’epica: i rifugisti, appunto. Anello di congiunzione tra gli eterogenei frequentatori di un mondo in bilico tra l’immaginario romantico di un tempo, quando le Alpi sembravano eterne e immutabili, da esplorare e conquistare con sacrificio e a sprezzo della vita, e la realtà di oggi, turistica e pop, in cui da scoprire è rimasto poco o niente, e che rappresenta un importante indotto economico a cui è difficile rinunciare”.

di Daniela Faggion
Alta_Quota_Turisti_Skyway_Monte_Bianco

Guarda anche:

Mytho, scoperto il nuovo gene che regola l’invecchiamento

Un gruppo di ricercatori diretto dal prof. Marco Sandri, docente del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova e Principal Investigator dell’Istituto Veneto di Medicina Molecolare...

I microbi architetti del mare secondo scienziati italiani e statunitensi

Rivoluzione copernicana nelle acque più profonde, racconta uno studio pubblicato da Nature Ecology and Evolution. I microbi sono tanto piccoli quanto attivi nel far funzionare la vita sul pianeta...

Riprodotto un naso con stampa in 3D al Meyer di Firenze

L'intervento è avvenuto nell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze su un bimbo di 5 anni nato con un grave problema alla piramide nasale a causa di una complicanza post partum. La progettazione della...