Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Gennaio 2006 | Economia

INNOVAZIONE SI TOCCA IL FONDO

L’Italia si colloca al dodicesimo posto nella classifica europea per l’innovazione.Secondo la Commissione europea è uno dei paesi “dalla prestazione più povera”L’Italia resta il fanalino di coda tra i quindici Paesi europei per l’innovazione posizionandosi al dodicesimo posto. Al primo posto si conferma la Svezia seguita da Finlandia, Danimarca, Germania, Austria, Belgio, Olanda, Regno Unito, Francia, Lussemburgo e Irlanda. L’ultimo paese è la Turchia. E’ quanto emerge dallo European Innovation Scoreboard della Commissione europea del 2005 che sottolinea come il nostro paese sia uno di quelli “dalla prestazione più povera”. Nonostante l’Italia sia salita di una posizione rispetto al 2004, Bruxelles ritiene che il processo di ammodernamento sia “troppo lento”. La situazione italiana peggiora se si tiene conto di Usa, Giappone, Svizzera, Islanda, Norvegia: l’Italia si colloca al diciassettesimo posto. Il Belpaese è “particolarmente debole negli input di innovazione (ventunesimo posto nell’Europa a 25) e nell’innovazione dell’imprenditorialità”. La causa della bassa performance nella qualità dell’impresa è dovuta anche “ai livelli troppo bassi di cooperazione tra le piccole e medie aziende nell’innovazione (23% della media) e al livello degli investimenti in tecnologie informatiche sotto la media”. Commentando il rapporto, il ministro per l’Innovazione e le Tecnologie Lucio Stanca ha affermato che “emergono elementi che ci penalizzano, ma che vengono da lontano. Tra i fattori che pesano di più ci sono quelli strutturali, come la questione della ridotta dimensione delle nostre imprese e la bassa spesa per ricerca e sviluppo da parte delle piccole imprese. Tutti fattori che possono essere migliorati solo nel lungo periodo”

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...