Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

12 Gennaio 2006 | Economia

INNOVAZIONE SI TOCCA IL FONDO

L’Italia si colloca al dodicesimo posto nella classifica europea per l’innovazione.Secondo la Commissione europea è uno dei paesi “dalla prestazione più povera”L’Italia resta il fanalino di coda tra i quindici Paesi europei per l’innovazione posizionandosi al dodicesimo posto. Al primo posto si conferma la Svezia seguita da Finlandia, Danimarca, Germania, Austria, Belgio, Olanda, Regno Unito, Francia, Lussemburgo e Irlanda. L’ultimo paese è la Turchia. E’ quanto emerge dallo European Innovation Scoreboard della Commissione europea del 2005 che sottolinea come il nostro paese sia uno di quelli “dalla prestazione più povera”. Nonostante l’Italia sia salita di una posizione rispetto al 2004, Bruxelles ritiene che il processo di ammodernamento sia “troppo lento”. La situazione italiana peggiora se si tiene conto di Usa, Giappone, Svizzera, Islanda, Norvegia: l’Italia si colloca al diciassettesimo posto. Il Belpaese è “particolarmente debole negli input di innovazione (ventunesimo posto nell’Europa a 25) e nell’innovazione dell’imprenditorialità”. La causa della bassa performance nella qualità dell’impresa è dovuta anche “ai livelli troppo bassi di cooperazione tra le piccole e medie aziende nell’innovazione (23% della media) e al livello degli investimenti in tecnologie informatiche sotto la media”. Commentando il rapporto, il ministro per l’Innovazione e le Tecnologie Lucio Stanca ha affermato che “emergono elementi che ci penalizzano, ma che vengono da lontano. Tra i fattori che pesano di più ci sono quelli strutturali, come la questione della ridotta dimensione delle nostre imprese e la bassa spesa per ricerca e sviluppo da parte delle piccole imprese. Tutti fattori che possono essere migliorati solo nel lungo periodo”

Guarda anche:

Turismo: i numeri delle vacanze estive

Il 2022 registra un +35% di presenze rispetto al 2021. 9 italiani su 10 trascorreranno le ferie estive in Italia. Ci saranno più di 92 milioni di arrivi e quasi 343 milioni di presenze tra italiani...
rapporto

Rapporto benessere equo e sostenibile 2021: l’Italia post pandemia 

Il rapporto Bes 2021 'Il benessere equo e sostenibile in Italia’ diffuso dall'Istat fa una fotografia della società italiana nell'anno appena trascorso. Dall'aumento del lavoro da remoto, al numero...

Italiani tra gli europei meno propensi a rinunciare al contante

Italiani ancora dipendenti dal contante. Nonostante tutte le migliorie adottate nel campo del digitale e delle piattaforme. il Paese è tra i trenta peggiori per incidenza del contante sull’economia....