Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

16 Febbraio 2006 | Economia

INVESTIMENTI PUBBLICITARI ONLINE: NEL 2005 IN CRESCITA DEL 18% A 137 MILIONI

Nielsen Media Research, in collaborazione con Iab Italia e Assointernet, rileva che nel 2005 gli investimenti pubblicitari su internet sono stati pari a 137 milioni di euro con una crescita del 18% rispetto al 2004. I mezzi classici (tv, stampa, radio, affissioni e cinema) hanno invece registrato una crescita del 2,8%. Il primo settore per investimento è quello delle Telecomunicazioni che, con una spesa di circa 16,6 milioni, rappresenta il 12,1% del totale advertising in rete. Seguono Finanza/Assicurazioni (11,3%), Media/Editoria (10,8%), Servizi Professionali (8,9%) e Tempo Libero (8,7%). La tipologia pubblicitaria più utilizzata è quella dei banner, che coprono il 38,9% della comunicazione su internet per un valore di circa 53 milioni. Elevato anche l’interesse per sponsorship e bottoni (18,2%) e per le keyword (13,1%). Le aziende che fanno comunicazione su internet sono 1.762 con un investimento medio di circa 78 mila euro. Per il 2006 si stima una crescita del settore di circa il 30%.

Guarda anche:

Nasce Italy China Council Foundation, le due scarpe nel commercio cinese

Nasce l’Italy China Council Foundation. Sarà un nuovo soggetto forte che eredita le funzioni dei predecessori, continuando a supportare le attività dei soci e delle aziende italiane e cinesi grazie...

Turismo: i numeri delle vacanze estive

Il 2022 registra un +35% di presenze rispetto al 2021. 9 italiani su 10 trascorreranno le ferie estive in Italia. Ci saranno più di 92 milioni di arrivi e quasi 343 milioni di presenze tra italiani...
rapporto

Rapporto benessere equo e sostenibile 2021: l’Italia post pandemia 

Il rapporto Bes 2021 'Il benessere equo e sostenibile in Italia’ diffuso dall'Istat fa una fotografia della società italiana nell'anno appena trascorso. Dall'aumento del lavoro da remoto, al numero...