Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Giugno 2013 | Attualità

iRadio funzionerà a suon di pubblicità

Apple è quasi pronta a lanciare iRadio , il suo servizio di musica in streaming via internet, che avrà un impianto pubblicitario simile a quello del rivale Spotify , ovvero con annunci sonori ogni tre o quattro canzoni ascoltate dall’utente. Stando alle ultime indiscrezioni trapelate sul web, gli spot saranno venduti attraverso iAd , piattaforma pubblicitaria mobile di Apple, che così dovrebbe essere in grado di pagare i diritti alle case discografiche che metteranno a disposizione degli iscritti i propri cataloghi. Con ogni probabilità, iRadio sarà integrato a iTunes , il negozio digitale della compagnia di Cupertino, che conta oltre mezzo miliardo di iscritti e dovrebbe garantire al nuovo servizio di ingranare rapidamente. Difficile invece capire se Apple proporrà una versione premium – a pagamento e senza pubblicità – della sua radio, come già fanno i concorrenti. Per chiarire i dubbi potrebbero bastare pochi giorni: iRadio potrebbe essere svelata al pubblico la prossima settimana.

Guarda anche:

5,5 miliardi di euro per oltre 56 milioni di cicloturisti, questi i numeri del fenomeno in Italia nel 2023

L’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di Commercio registra oltre 56 milioni di presenze cicloturistiche nel 2023, il 6,7% delle presenze complessive registrate in Italia, un dato in...

La prima mostra personale in Italia di David Horvitz

A Milano, negli spazi di un ufficio dismesso presso l’innovativo BiM, va in scena “Abbandonare il locale”. Oltre 20 opere indagano i limiti di tempo e spazio e danno una lettura nuova dell’etica e...
Quale futuro per AI - ph. geralt

Il futuro dell’intelligenza artificiale diverso da ChatGPT

Andrea Soltoggio lavora in Gran Bretagna e ha firmato uno studio corale sui possibili sviluppi dell'AI. Secondo il suo gruppo di lavoro sarà come Star Trek, o più semplicemente come il genere umano...