Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

30 Luglio 2021 | Attualità

Italia e Armenia firmano una cooperazione militare

Un’intesa di cooperazione militare è stata firmata tra Italia e Armenia. L’accordo prevede undici attività congiunte nel secondo semestre del 2021. L’incontro per la firma si è svolto a Yerevan, capitale armena. A guidare le due delegazioni c’erano Levon Ayvazyan, il capo della Direzione generale delle politiche difensive e della cooperazione internazionale del ministero della Difesa e il Colonnello David Morpurgo (Italia), capo del Dipartimento per la cooperazione internazionale dello Stato Maggiore della Difesa.

Firmata un’intesa militare: di cosa si tratta?

L’ufficio stampa del ministero armeno sottolinea che le attività riguardano lo scambio di esperienze in ambiti di reciproco interesse. In particolare la formazione del personale e il proseguimento delle consultazioni politico-militari. Alle consultazioni sono stati discussi i temi di sicurezza regionale e sviluppi internazionali, nonché la cooperazione tra i ministeri della Difesa di Armenia e Italia. Le parti hanno convenuto, a prescindere dalla pandemia del coronavirus, sul riavvio delle attività nell’ambito di contatti bilaterali interrotte l’anno scorso. “Sulla base degli accordi raggiunti è stato firmato il piano di cooperazione militare bilaterale tra Armenia e Italia per il 2021. Secondo il piano, sono previsti 11 attività che si terranno in due paesi nella seconda metà dell’anno“, si afferma nel comunicato stampa.

Gli incontri

Al momento dalle istituzioni italiane non sono stati forniti dettagli sulla visita del colonnello Morpurgo a Yerevan. I colloqui della delegazione italiana seguono la visita del ministro della Difesa Lorenzo Guerini in Grecia e Turchia di due giorni terminata mercoledì 21 luglio. Il ministro ha avuto incontri con i colleghi greco, Nikolaos Panagiotopoulos, e turco, Hulusi Akar, con cui oltre alla cooperazione nell’ambito della Nato ha discusso della situazione nel Mediterraneo, del ritiro delle truppe dall’Afghanistan e della strategia per la Libia.

Il genocidio armeno

A partire dal 1915 ci fu una pesante persecuzione ai danni del popolo armeno per mano dell’Impero Ottomano. In tempi recenti il Presidente americano Joe Biden è tornato sull’argomento parlando per la prima volta di vero e proprio genocidio. La Turchia non riconosce la persecuzione degli armeni. Si stima che circa un milione di persone persero la vita durante quegli anni.

di Alessandro Bonsi

Guarda anche:

Bebe Vio è l’anima dell’Europa: standing ovation a Strasburgo

Bebe Vio, campionessa mondiale paralimpica di scherma, è stata ospite del Parlamento Europeo quale emblema di una rinascita oltre ogni aspettativa ed esempio per i giovani. Se sembra impossibile,...
zaki

Prima udienza per Zaki, da 19 mesi in custodia preventiva in Egitto

Prima udienza per Patrick Zaki che si è conclusa il 14 settembre con una durata di cinque minuti. Lo studente egiziano è in carcere preventivo da 19 mesi, da quando fu arrestato all'arrivo...

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...