Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

22 Gennaio 2022 | Attualità

Jacopo Tissi è il primo italiano ad essere nominato étoile del Bolscioi

Il direttore del corpo di ballo del Bolscioi Makhar Vaziev ha nominato Jacopo Tissi étoile del teatro. E’ il primo danzatore italiano nella storia ad ottenere ammissione alla prestigiosa istituzione russa che dal 1776 è cuore della danza mondiale. 

Gli anni di formazione e il sostegno della famiglia

Nato nel 1995 in provincia di Pavia, Jacopo Tissi ha iniziato a prendere le prime lezioni di ballo all’età di cinque anni in una scuola di danza privata della sua città, Landriano. 

Jacopo racconta di essersi appassionato alla danza classica mentre guardava in televisione Il Lago dei Cigni. Ha subito chiesto ai genitori di seguire delle lezioni di danza, e la famiglia lo ha subito appoggiato e sostenuto. Lo stesso Jacopo ha raccontato al Corriere della Sera quanto sia importante il sostegno dei famigliari: “Dico ai genitori che dubitano: abbattiamo le barriere, un figlio che sceglie l’arte trova un mestiere speciale, dategli fiducia. I ragazzi che non hanno la fortuna di avere il sostegno dei genitori, devono credere ancora di più in sé stessi e cercare il supporto di parenti e amici. Il cammino è lungo.”

A undici anni è entrato nella Scuola di Ballo del Teatro alla Scala, dove si è diplomato con lode nel 2014.

L’anno dopo ha danzato al Vienna State Ballet per poi tornare alla Scala, al tempo diretto da Makhar Vaziev, che ha deciso di portarlo con sé nella compagnia del Bolshoi, diventando il primo danzatore italiano a essere scelto per il teatro russo. 

A Mosca, in pochissimo tempo, Jacopo Tissi è stato promosso da ballerino aggiunto a primo ballerino e ora, nel 2022, raggiunge il grado più alto, quello di étoile.

La giornata di un étoile

Comincia, dunque, l’avventura di étoile di uno dei teatri più importanti al mondo per colui che è considerato l’erede naturale di Roberto Bolle, molto simile a lui sia per la bravura che per l’aspetto fisico. 

In numerose interviste Tissi ha ripetuto che la bellezza non è nulla nella danza se non ci sono anche la perseveranza e la dedizione totale a questa disciplina.

Le sue giornate sono scandite da lezioni di danza con il suo coach personale, Alexander Vetrov, e diverse ore di prove per preparare gli spettacoli, che al Bolshoi sono numerosissimi: si balla per duecento giorni l’anno. 

Al di fuori della sala prove il ballerino studia i personaggi che deve interpretare riguardando i balletti del passato, in modo da prendere ispirazione dai più grandi della storia della danza; poi, cerca di aggiungere qualcosa di suo. Infatti, come ha detto in una intervista a Repubblica, “Più che bello e bravo, danzando devi essere speciale. Il che non vuol dire perfetto. Bisogna essere qualcuno che colpisce e resta”.

La vita in Russia 

Poco più che ventenne, Tissi è volato a Mosca per inseguire i suoi sogni. È facile immaginare che all’inizio non sia stato facile ambientarsi, dovendo confrontarsi con un nuovo mondo e una nuova lingua. 

Ora il ballerino è perfettamente integrato nel nuovo Paese, e a tal proposito dice: “Sono molto contento di tutto quello che ho ricevuto in questi anni sia dal profilo professionale che personale. La Russia è un Paese che supporta enormemente il balletto, il Bolshoi e la cultura in generale, cosa che permette agli artisti di avere una grande possibilità di arricchirsi.”

 

di Zaira Nobile

Jacopo_Tissi

Guarda anche:

Due dei reperti di San Casciano - dal sito dei Beni Culturali

Dagli scavi al museo a San Casciano dei Bagni

Nella località toscana, protagonista nei mesi scorsi di un prezioso ritrovamento di statue etrusco-romane, sorgerà un museo dedicato. La località di San Casciano dei Bagni, in provincia di Siena,...

Laura Pausini festeggia 30 anni di tour

La cantante ha annunciato due date, presto divenute cinque, che lanceranno il suo world tour a partire dall’estate 2023. Non c'è due senza tre e il quarto vien da sé… Ma alla Pausini non basta e dà...

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...