Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Giugno 2009 | Economia

Kodak si arrende allo strapotere del digitale e manda in pensione il rullino

La tecnologia avanza e i compagni di una vita intera sono costretti ad arrendersi all’imporsi delle nuove soluzioni. E’ accaduto alle musicassette , surclassate dai cd, alle videocassette , rimpiazzate da dvd, ed entro fine 2009 sarà la volta della pellicola a colori.   Kodak , casa madre della pellicola Kodachrome, ritirerà dal mercato il tradizionale rullino, sancendo definitivamente la vittoria della fotografia digitale. Dopo 74 anni di gloriosa esistenza, le tradizionali pellicole sono arrivate a contribuire a un misero 1% del fatturato di Kodak, facendo dimenticare al celebre marchio, ed evidentemente anche ai consumatori, il fascino degli scatti su pellicola e la qualità dei colori che garantiscono gli stessi. ” Negli ultimi anni le vendite si sono ridotte in modo significativo, i fotografi prediligono la fotografia digitale “, ha spiegato Kodak in un comunicato. Mary Jane Hellyar, direttore generale uscente della divisione di film e intrattenimento di Kodak, ha ammesso che la pellicola “è diventata una sorta di icona” e che la decisione di interrompere la produzione di Kodachrome, “vista la sua storia, è stata sicuramente difficile”. Per i nostalgici sarà allestita una zona specifica nel museo George Eastman House International Museum of Photography and Film (Ny) con gli ultimi rullini, uno dei quali sarà utilizzato dal fotografo Steve McCurry, autore del ritratto della giovane afgana comparso sulla copertina del Nationa Geographic Magazine (1985). Kodak ha inoltre creato una galleria di immagini famose , inclusa la ragazza afgana e altre foto di McCurry, disponibile su sul sito http://homepage.1000words.kodak.com/default.asp?item=2388083&CID=go&idhbx=kodachrometribute.

Guarda anche:

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...