Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

24 Gennaio 2013 | Attualità

Kroes: voglio una consultazione pubblica sulla libertà di informazione

Con un post sul blog dell’Unione europea , Neelie Kroes invita a una consultazione pubblica sul delicato tema della libertà di informazione e della sua regolamentazione . Il dibattito prede le mosse da un rapporto riguardo alla possibilità di espressione e alla pratica del pluralismo dei media in Europa. Il problema è ampio e la Kroes ritiene essenziale una discussione aperta a livello europeo: “ Voglio sentire cosa ne pensate! ” scrive accanto all’indirizzo dove saranno raccolti i commenti. Il r apporto è una “ marmellata ” burocratica, secondo l’esperto del Telegraph , che evidenzia la fumosità di alcuni suggerimenti e la scarsa praticità, come quello di creare “ consigli indipendenti” in ogni Stato membro dell’Ue, con ampi poteri circa i diritti e gli obblighi dell’informazione, ma sottoposti agli standard e al controllo della Commissione perchè sia garantita la conformità a non precisati “ valori europei ”.  

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.