Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Giugno 2014 | Economia

La Commissione europea detta la linea sul cloud

L’Ue ha deciso di compilare una normativa per regolare almeno in parte i contratti per i servizi di cloud computing , semplificando il rapporto tra le aziende e i fornitori, garantendo le prime dagli umori ballerini dei secondi, che spesso non tutelano contro possibili disservizi e cali prestazionali. Secondo la Commissione europea , che ha deciso le linee guida attraverso il proprio  Cloud Select Industry Group , un gruppo di lavoro apposito e specializzato nel settore che comprende aziende quali Atos, Cloud Security Alliance, Ibm, Microsoft e Telecom Italia, ciascun servizio dovra garantire uno standard qualitativo e partire da terminologie e metriche comuni. Nel contratto, modificabile e personalizzabile da parte del cliente, dovrà essere specificato in maniera chiara la disponibilità e l’affidabilità dei servizi offerti dai fornitori, la qualità del supporto data alle aziende, il livello di sicurezza minimo e l’ottimizzazione della gestione dei dati conservati nel cloud. Stabilire a priori una base di servizi minimi e chiariere le condizioni garantite a livello contrattuale permetterà  un risparmio del 10-20% alle compagnie clienti , secondo l’Ue: “E’ la prima volta che i fornitori cloud raggiungono un accordo su linee guida comuni – ha detto il commissario per l’Agenda digitale, Neelie Kroes -. Penso ne beneficeranno soprattutto le Pmi” . Il prossimo passo sarà testare lanormativa sul campo.

Guarda anche:

Se è solo questione di etichetta

La Commissione Europea cerca di adottare una classificazione unica per tutti i prodotti alimentari dell’Unione. La guerra all’etichetta è scoppiata a maggiori 2020, quando la Commissione Europea ha...

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...