Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

2 Maggio 2013 | Economia

La Francia dice no all’affare Yahoo!-Dailymotion

Operazione video su Internet fallita per  Yahoo! : il gruppo guidato da Marissa Meyer era p artito alla conquista di Dailymotion, piattaforma francese controllata da France Telecom, ma il progetto per sfidare lo strapotere di Google-YouTube è finito sul nascere. A mettere i bastoni tra le ruote alla società statunitense, che puntava a una quota del 75% del sito di video sharing, con l’opzione per salire al 100%, è stato il governo francese , azionista di France Telecom al 27%. Il ministro dell’Innovazione industriale Arnaud Montebourg ha incontrato i vertici di Yahoo! e ha bloccato le trattative con un no deciso: ” vogliono divorare una compagnia francese, ha detto, noi diciamo 50 e 50 o niente “. L’opposizione del governo avrebbe indotto gli americani a rinunciare, anche se France Telecom resta aperta ad altri negoziati: il Ceo Stephane Richard in un’intervista ha dichiarato che è il management, non il governo, a dover decidere la strategia per Dailymotion. La priorità ora è cercare nuovi partner potenziali per far espandere Dailymotion fuori dall’Europa.

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Italia ultima per merito in Europa - ph. Marzena7

Italia ultima in Europa per Merito

Secondo il Forum della Meritocrazia questa situazione incide sul calo dell'economia, che in quasi 30 anni ha perso 26 punti percentuali Non basta mettere la parola "merito" nel nome di un ministero...

Città e luoghi d’arte trainano il turismo in Italia anche nel 1° trimestre 2024

L'Osservatorio Turismo Confcommercio-Swg prevede per il primo trimestre 2024 oltre venti milioni di partenze tra gennaio e marzo. Preferiti i soggiorni brevi e le città d’arte. Dopo la ripresa...