Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Gennaio 2024 | Attualità

La più antica mappa celeste è incisa su una pietra del Carso

La scoperta è stata fatta vicino a Trieste: il prezioso sasso avrebbe almeno 2.400 anni e presenta 29 incisioni a raffigurare costellazioni

Ventinove incisioni su una pietra tondeggiante, a rappresentare le stelle dello Scorpione e delle Pleiadi, di Orione e Cassiopeia, oltre a una supernova che oggi potrebbe essere un buco nero. L’incredibile ritrovamento nel Carso triestino avrebbe all’incirca 2400 e sarebbe la più antica mappa celeste al mondo. La presentazione ufficiale del reperto è stata affidata alle pagine della rivista Astronomische Nachrichten, anch’essa con un primato di antichità: si tratta infatti della più longeva pubblicazione di astronomia ancora attiva.

Lo studio pubblicato è firmato dall’astronomo Paolo Molaro dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Trieste e dall’archeologo Federico Bernardini dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. I due studiosi hanno incrociato i loro destini con quelli della volta celeste un paio di anni fa, quando vennero trovate due grosse pietre circolari nei pressi del Castelliere di Rupinpiccolo, l’insediamento fortificato di epoca preistorica nella zona carsica di Sgonico, fra Trieste e il monte Lanaro.

Le due rocce rotonde, larghe circa 50 centimetri e spesse 30, risalgono a un’epoca compresa fra il 1800 e il 400 a.C. e avrebbero quindi almeno 2400 anni. A una delle due pietre sarebbe stata data la forma rotonda, senza ulteriori modifiche, mentre l’altra presenta 29 incisioni (24 su un lato del disco e 5 sull’altro) e potrebbe essere la più antica mappa celeste mai scoperta.

La lavorazione sarebbe avvenuta con arnesi rudimentali: in particolare, per scalfire la pietra sarebbe stato utilizzato un punteruolo di metallo simile a quello con punta di 6/7 millimetri rinvenuto al castelliere di Elleri, a pochi chilometri di distanza, e conservato al Museo archeologico di Muggia.

di Daniela Faggion

Modello digitale della mappa celeste su pietraa trovata in Carso - Crediti: Bernardini et al., Documenta Praehistorica, 2022

Guarda anche:

Lucio Fontana_Ambiente spaziale a luce rossa

Retrospettiva su Lucio Fontana in Corea del Sud

Al Sorol Art Museum opere realizzate dall'artista spazialista tra il 1949 e la fine degli Anni Sessanta I celeberrimi buchi, tagli e non solo: per la prima volta le opere di Lucio Fontana arrivano...
SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...
Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...