Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Novembre 2023 | Attualità, Innovazione

La ricerca in Europa non è ancora un mestiere per donne

Secondo uno studio metà dei laureati e dei dottorati sono ragazze, molte delle quali abbandonano la carriera

Le donne sono il 33% delle persone attive nel mondo della ricerca in Europa e il 26% dei professori ordinari e dei direttori di dipartimento o centri di ricerca. Bene, dunque, ma non benissimo se si considera che al momento della laurea le percentuali sono quasi in parità. I dati arrivano da uno studio pubblicato su The Lancet Regional Health – Europe dalla professoressa Stefania Boccia, Vice Direttrice Scientifica della Fondazione Policlinico Universitario Gemelli Irccs; dalla dottoressa Sara Farina, medico in formazione specialistica presso la Sezione di Igiene della Facoltà di Medicina e chirurgia e dalla professoressa Raffaella Iafrate, Pro-Rettrice Delegata del Rettore alle Pari Opportunità.

Il problema è notoriamente italiano ma l’indagine delle tre studiose dimostra che anche nel resto d’Europa la tendenza è quella di un progressivo abbandono della carriera accademica da parte delle donne, specialmente nelle facoltà scientifiche, le cosiddette Stem: Science, Technology, Engineering, Mathematics. Nelle discipline umanistiche le donne occupano oltre il 30% delle posizioni più alte della carriera accademica, mentre nelle scienze naturali la percentuale scende al 22 e in ingegneria e tecnologia in genere al 17,9.

A livello di ricerca, l’Italia è terzultima in Europa, con appena il 17% di donne nei ruoli chiave. Le barriere più pesanti contro l’affermazione femminile sono quasi incredibili (ma non meno vere) nel 2023: in primis, un pregiudizio nei confronti delle donne nel mondo della ricerca, e subito dopo un mancato riconoscimento del lavoro femminile che si concretizza principalmente in un divario nei salari, soprattutto nel contesto privato, e nel genere degli autori di articoli scientifici, di cui solo il 29,8% sono donne.

Il problema è noto anche a livello istituzionale. Per questo, il programma Horizon Europe dell’Unione europea ha stabilito un piano di uguaglianza di genere proprio a partire dal mondo della ricerca. I risultati in termini concreti avranno certamente bisogno di tempo.

di Daniela Faggion
laboratory - ph. ernestoeslava

Guarda anche:

La Repubblica degli Stagisti - Standsome

La Repubblica degli Stagisti diventa un fenomeno sovranazionale

L'idea nata qualche anno fa in Italia per raccontare il disagio di giovani e meno giovani alle prese con il lavoro travestito da stage Come ogni anno in giugno, la Repubblica degli Stagisti ha fatto...
Monte Sant'Angelo - Puglia - Alba

Monte Sant’Angelo Capitale della Cultura di Puglia 2024

La Città più alta della regione fra Adriatico e Ionio ospita due siti Unesco e numerosi eventi per l'estate In Italia si trovano due Beni Patrimonio dell’Umanità nel giro di una sola cittadina della...

È italiano il primo avatar che risponde al 112 in lingua dei segni

Arriva in Italia il primo avatar virtuale capace di rispondere alle richieste di emergenza nella lingua dei segni, nota anche come Lis. Il software rende accessibile il sevizio di emergenza del 112...