Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

15 Maggio 2022 | Attualità

La scuola italiana tra le più stressanti al mondo

WeWorld afferma che tra i sistemi scolastici più stressanti al mondo c’è quello italiano e propone tre interventi per renderla più inclusiva e attenta al benessere fisico e psicologico degli studenti.

La scuola italiana provoca stress: ad affermarlo è il report “Facciamo scuola – L’educazione in Italia ai tempi del Covid”elaborato da WeWorld, organizzazione italiana indipendente che da 50 anni si impegna per garantire i diritti di donne e bambine in 25 Paesi del mondo.

Dallo studio emerge che oltre la metà degli studenti italiani è nervosa durante le ore di studio, non ha il tempo di riposarsi e fa fatica a stare dietro a tutte le attività scolastiche. Un malessere che può allontanare dallo studio, portare disagi psicologici e aumentare la dispersione scolastica. Dai dati emerge che nel 2020 si è registrato il 20,7% di giovani tra i 15 e 24 anni che non studiano né lavorano; un numero che rischia di alzarsi notevolmente a causa della pandemia, che ha avuto conseguenze importanti soprattutto tra le fasce economicamente e socialmente più deboli, poiché di fatto ha accelerato le diseguaglianze sociali già esistenti.

Dal report emergono anche tre proposte di azioni concrete che secondo WeWorld sono di facile applicazione, possono contrastare la dispersione scolastica e rendere la scuola italiana più inclusiva e meno stressante:

1.Riformulare l’obbligo scolastico dai 6 -16 anni ai 3-18 anni, per fare in modo che i bambini possano beneficiare dell’educazione scolastica dai primi anni di vita, con vantaggi sull’apprendimento nel lungo periodo. L’estensione dell’obbligo fino ai 18 anni, inoltre, mira a prevenire la dispersione scolastica che solitamente interessa i ragazzi dai 16 anni in su.

2.Ridurre le vacanze estive ai soli mesi di luglio e agosto in modo da distribuire più pause nel corso dell’anno. I benefici sarebbero una maggiore continuità didattica e relazionale e facilitazioni nella gestione scuola-genitori-lavoro.

3.Introdurre la figura di un dirigente extra scolastico che possa occuparsi di tutte le attività extra offerte dal Terzo settore.

3.Introdurre la figura di un dirigente extra scolastico che possa occuparsi di tutte le attività extra offerte dal Terzo settore.

 

di Antonietta Vitagliano
scuola

Guarda anche:

A Torino le navette viaggiano da sole

Il progetto pilota ha lo scopo di offrire, per la prima volta in una città italiana, un trasporto pubblico flessibile lungo un percorso sperimentale di circa 2 km. Il processo sarà ufficializzato...

Dart contro l’asteroide:  arrivano le immagini dal mini-satellite tutto made in Italy 

E’ la prima volta che il genere umano modifica lo stato orbitale di un corpo celeste. A fotografare questa unicità nella storia dello spazio è stato uno strumento realizzato da una squadra di...

l gran rifiuto dell’Italia

Da uno studio statistico pubblicato da Eurostat, dal 2004 al 2020 la quantità di rifiuti riciclati è aumentata in modo significativo: da 870 milioni di tonnellate nel 2004 ai 1.221 milioni di...