Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Marzo 2013 | Economia

La scuola non è ancora digitale

Il prossimo anno scolastico le scuole italiane saranno dotate di 4.200 lavagne multimediali e 3000 classi 2.0, altamente equipaggiate e connesse. Nonostante questo tipo di sforzo da parte del ministero dell’Istruzione restano, però, diverse le criticità del Piano nazionale Scuola Digitale , lanciato nel 2007, così come descritte da un rapporto redatto dall’Ocse. Su commissione dello stesso Miur, infatti, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha analizzato la strategia italiana di digitalizzazione scolastica e, se non mancano diversi punti di forza, un dato su tutti evidenzia il lungo lavoro ancora da compiere: ai ritmi attuali, in Italia ” sarebbero necessari altri 15 anni per raggiungere i livelli di diffusione delle tecnologie digitali registrati, ad esempio, in Gran Bretagna, dove l’80% delle classi può contare su strumenti didattici informatici e digitali’ ‘ a fronte dell’appena 14% italiano, come evidenzia l’Ocse. Dal rapporto emerge un forte limite alle apprezzabili ambizioni del Piano italiano: il budget di 30 milioni euro l’anno, pari allo 0,31% del budget scuola del Miur ed equivalente ad un investimento di appena cinque euro a studente. L’Italia si trova, così, con una media di 6 pc per ogni 100 studenti, invariata rispetto al 2006, laddove quella Ue è di 16 a 100 a fronte dei 10 a 100 di sei anni prima. Ancora, nel 2012 le scuole italiane altamente digitalizzate nel 2012 erano il 6% del totale contro il 37% in Ue.

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Italia ultima per merito in Europa - ph. Marzena7

Italia ultima in Europa per Merito

Secondo il Forum della Meritocrazia questa situazione incide sul calo dell'economia, che in quasi 30 anni ha perso 26 punti percentuali Non basta mettere la parola "merito" nel nome di un ministero...

Città e luoghi d’arte trainano il turismo in Italia anche nel 1° trimestre 2024

L'Osservatorio Turismo Confcommercio-Swg prevede per il primo trimestre 2024 oltre venti milioni di partenze tra gennaio e marzo. Preferiti i soggiorni brevi e le città d’arte. Dopo la ripresa...