Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

22 Marzo 2022 | Ambiente

La trota mediterranea ripopola i fiumi del Molise

I fiumi Volturno e Biferno sono stati ripopolati nei giorni scorsi con nuovi esemplari di trota mediterranea, specie vulnerabile in Europa e a rischio d’estinzione in Italia.

Si chiama “Life Nat.Sal.Mo” ed è il progetto europeo coordinato dalla docente dell’Università del Molise, Nicolaia Iaffaldano, che ha l’obiettivo di recuperare e conservare la trota mediterranea (Salmo cettii) attraverso tecniche innovative di selezione e riproduzione della specie, il recupero degli habitat e la tutela della natura nei due bacini idrografici molisani. 

Nei giorni scorsi è iniziata, nei fiumi Volturno e Biferno, la semina di 200 mila uova prossime alla schiusa prodotte a partire da riproduttori selvatici e fecondate con il seme stoccato presso il Dipartimento Agricoltura Ambiente e Alimenti dell’Università del Molise, nella prima criobanca di trota mediterranea in Europa. Il recupero genetico della specie è avvenuto attraverso un innovativo protocollo per il congelamento del seme. Dopo due anni di studio dei corsi d’acqua sono stati individuati i luoghi più adatti alla riproduzione delle trote e sono state posizionate delle gabbie in cui sono stati catturati gli esemplari per poterli selezionare geneticamente e marcarli. Ai maschi è stato prelevato il seme che, dopo essere stato analizzato, è stato sottoposto a crioconservazione. Successivamente, i ricercatori hanno deposto le uova fecondate nei nidi artificiali, creati con pietre e ciottoli di fiume in siti idonei alla vita delle trote: in questo modo sono stati limitati i fattori di rischio fino alla schiusa, e sono nati individui più forti e con un patrimonio genetico idoneo. La criobanca con il suo protocollo per il congelamento del seme è un modello esportabile ovunque ci siano specie a rischio.

Un modo per tutelare le acqua interne del Molise e preservare una specie che in Italia rischia l’estinzione. “La costruzione dei nidi sta avvenendo con il supporto e l’aiuto delle associazioni di pescatori locali che aderiscono al progetto e che ne condividono gli obiettivi di salvaguardia e tutela della naturalità degli ecosistemi fluviali. – afferma Nicolaia Iaffaldano, Project Manager Life Nat.Sal.Mo dell’Università del MoliseLe associazioni coinvolte stanno aumentando di anno in anno e le attività di semina si estenderanno fino alle prime settimane della primavera. Alla fine di questa stagione avremo ripopolato i fiumi molisani con circa 200mila uova della specie nativa”.

Per supportare il progetto, le associazioni di pescatori che controllano i tratti fluviali “No kill” – aree disciplinate dalla Regione Molise per tutelare, proteggere e incrementare il patrimonio ittico – hanno deciso di rimandare l’apertura della pesca di quattro/sei settimane. Questo permetterà alla specie di terminare il proprio ciclo riproduttivo senza disturbo e la tutelerà nel periodo più vulnerabile.

Fonte foto: www.greenproject.info

 

di Antonietta Vitagliano

trota

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...

Premiata a Davos la startup italiana che porta Internet in fondo al mare

Lo spin-off della Sapienza di Roma per le comunicazioni subacquee spicca al World Economic Forum per aver aperto la strada all’Internet of Underwater Things. Una soluzione in più per la lotta al...
Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...