Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

26 Marzo 2013 | Attualità

La7 pensa al futuro, con ascolti in crescita

La7 ha chiuso il primo trimestre del 2013 con ascolti da record : il settimo canale ha incrementato il suo seguito del 21% sul totale giornaliero e addirittura del 45% in prima serata. Da questi spunti positivi intende ripartire Urbano Cairo, neo-proprietario della rete. “ Siamo costantemente in crescita mentre i nostri concorrenti sono in costante calo ” , ha detto Cairo, prospettando innanzitutto il ripianamento dei debiti di La7, per poi cominciare a inserire nuove idee:  “Abbiamo un compito fondamentale che è quello di raffreddare non tanto la patata bollente ma il conto economico, che è pesante ma secondo me gestibile. Spero in tempi rapidi di tornare in posizioni economiche migliori” . Una volta sistemati i conti, Cairo lancerà con ogni probabilità un nuovo canale , da aggiungere a La7 e La7d. Il terzo polo tv, a quel punto, sarebbe servito, almeno a livello di strutture e intenzioni.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...
Scarpa Rossa su libro ad Albisola Superiore

Tante iniziative in Italia contro la violenza sulle donne

Molti gli appuntamenti in occasione del 25 novembre, dalle scarpette rosse sparse per le città al numero per chiedere aiuto sulle confezioni del latte.   Per dar conto delle molte iniziative in...
turisti-Italia

Uno studio condotto da Istituto Piepoli ci dice che l’Italia resta tra le mete preferite per le vacanze dei turisti stranieri in Europa

L’indagine è stata realizzata per Confturismo-Confcommercio su un campione rappresentativo di viaggiatori americani, brasiliani, tedeschi, francesi e britannici, che prima della pandemia...