Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Giugno 2014 | Economia

Le librerie giapponesi arrivano in Italia

La giapponese Culture Convenience Club si prepara ad approdare in Italia con un nuovo format di librerie, le Tsutaya. Il lancio partirà da Alba , la città del tartufo a quanto pare molto apprezzato dal fondatore Muneaki Masuda, che ha scelto proprio la prima edizione di un festival dedicato al vino per annunciare il debutto in Italia. Nel paese del Sol Levante le librerie Tsutaya sono molto diffuse: contano 1.500 punti vendita e un bacino di 46 milioni di utenti con un fatturato che nel 2013 ha raggiunto i 200 miliardi di yen, pari a un miliardo e 430 milioni di euro circa. Dopo il lancio piemontese, l’espansione dovrebbe puntare verso est e già si parla di un possibile arrivo anche a Milano e in altre città italiane.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.