Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

20 Giugno 2014 | Economia

L’infinito, su carta, all’asta

In tempi di crisi anche la cultura, o meglio la poesia, fa ineluttabilmente capitale. Considerazione leopardiana, quanto mai calzante se a finire all’asta è una delle tre copie sinora riconosciute de L’infinito di Giacomo Leopardi, che sarà protagonista della sessione di Minerva Auctions di lunedì 23 giugno a Roma. Il manoscritto appartiene a un collezionista anonimo ed è stato ritrovato durante le ricerche nell’archivio nobiliare dei conti Servanzi Collio di San Severino Marche. Si tratta di una versione della poesia redatta da Leopardi tra il 1821 e il 1822, prima del suo viaggio a Roma. La base d’asta sarà di 150mila euro. Prima di avviarsi verso la futura capitale d’Italia, il poeta aveva deciso di trascrivere il testo  che poi diventerà la sua lirica più celebre, per evitare che andasse in qualche modo smarrito. La poesia coincide perfettamente con quella che poi sarà la sua versione definitiva, particolare che per decenni aveva fatto dubitare gli studiosi della sua autenticità. Nuovi studi hanno però attribuito definitivamente la copia al poesta di Recanati.  La Regione Marche ha chiesto al Ministero dei Beni culturali di intervenire , acquistando il documento e affidandolo poi a un’istituzione pubblica.

Guarda anche:

In Italia aumentano i brevetti, crescono le invenzioni nel mondo tech

Brevetti in forte aumento su robot, biotech e fotonica. Crescono in Italia le invenzioni che riguardano il mondo tech. Non solo dunque i comparti che tradizionalmente sfornano più certificazioni,...

“La Cattedrale” sarà lo stadio più bello del mondo

Il Nuovo San Siro, contraddistinto da una forte identità e riconoscibilità, attrattivo, accessibile ed eco-sostenibile, rappresenterà una nuova icona per Milano, consentirà di sostenere lo sviluppo...

Alimentari, fiore all’occhiello del Paese, i maggiori rincari nel 2022

Il 2022 si apre con un vero e proprio boom di rincari. Non solo l’ennesimo allarme contagi con la galoppante diffusione della variante Omicron in tutta Europa, ma a complicare la vita degli italiani...