Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

20 Giugno 2014 | Economia

L’infinito, su carta, all’asta

In tempi di crisi anche la cultura, o meglio la poesia, fa ineluttabilmente capitale. Considerazione leopardiana, quanto mai calzante se a finire all’asta è una delle tre copie sinora riconosciute de L’infinito di Giacomo Leopardi, che sarà protagonista della sessione di Minerva Auctions di lunedì 23 giugno a Roma. Il manoscritto appartiene a un collezionista anonimo ed è stato ritrovato durante le ricerche nell’archivio nobiliare dei conti Servanzi Collio di San Severino Marche. Si tratta di una versione della poesia redatta da Leopardi tra il 1821 e il 1822, prima del suo viaggio a Roma. La base d’asta sarà di 150mila euro. Prima di avviarsi verso la futura capitale d’Italia, il poeta aveva deciso di trascrivere il testo  che poi diventerà la sua lirica più celebre, per evitare che andasse in qualche modo smarrito. La poesia coincide perfettamente con quella che poi sarà la sua versione definitiva, particolare che per decenni aveva fatto dubitare gli studiosi della sua autenticità. Nuovi studi hanno però attribuito definitivamente la copia al poesta di Recanati.  La Regione Marche ha chiesto al Ministero dei Beni culturali di intervenire , acquistando il documento e affidandolo poi a un’istituzione pubblica.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.