Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

8 Gennaio 2024 | Attualità, Innovazione

L’integrazione dell’intelligenza artificiale con l’arte: scoperte e sfide

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Bradford ha utilizzato un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale per analizzare il dipinto della Madonna della Rosa attribuito a Raffaello. L’algoritmo ha rivelato che la figura di San Giuseppe sulla sinistra del quadro non è opera dell’artista, come sospettato da tempo. Questo studio dimostra come l’IA possa affiancare gli esperti d’arte nel processo di autenticazione delle opere, senza sostituirli. La scoperta apre nuove prospettive per l’integrazione tra tecnologia e arte.

L’intelligenza artificiale (IA) sta trasformando diversi settori della società, aprendo nuove possibilità creative e migliorando l’accessibilità. Nonostante l’ansia generale riguardo all’impatto della tecnologia sulle nostre vite, è importante sottolineare i notevoli benefici che l’IA può offrire nei settori della salute, della mobilità e della sostenibilità. Tuttavia, è nel campo dell’arte e della cultura che l’IA può offrire prestazioni ancora poco conosciute.

Attualmente, l’IA può contribuire alla preservazione e all’accessibilità dei beni culturali, consentendo la digitalizzazione e la catalogazione delle collezioni e facilitando la condivisione di opere d’arte e manufatti storici in modo più ampio e accessibile. Può anche aiutare nel restauro e nella conservazione di opere d’arte danneggiate, oltre ad arricchire l’esperienza dei visitatori nei musei. Un esempio di successo è rappresentato dal Museo Archeologico Virtuale(MAV) di Ercolano.

Tuttavia, una delle applicazioni più entusiasmanti dell’IA nel campo dell’arte è la generazione di opere d’arte. Gli artisti possono utilizzare le reti generative avversarie (GAN) per esplorare nuovi stili, creare opere originali o combinare elementi di opere esistenti per creare collage o reinterpretazioni uniche. Le GAN possono anche coinvolgere gli spettatori nella generazione o modifica delle opere d’arte stesse, offrendo esperienze artistiche interattive. Tuttavia, l’uso delle GAN solleva anche questioni sull’autenticità, l’originalità e il ruolo dell’artista umano. L’IA può quindi sfidare la concezione tradizionale dell’arte e aprire nuovi orizzonti creativi.

L’IA nel campo dell’autenticazione artistica

L’IA non solo può generare nuove opere d’arte, ma può anche contribuire a risolvere misteri artistici. Un recente esempio è rappresentato dal dipinto della Madonna della Rosa, attribuito a Raffaello e realizzato intorno al 1518-20, ora conservato al Museo del Prado di Madrid. Da lungo tempo c’era un enigma sull’originalità di questo dipinto, in particolare sulla figura di San Giuseppe presente sulla sinistra del quadro.

L’IA svela il mistero di Raffaello: una figura non opera dell’artista nella Madonna della Rosa

Per cercare di risolvere questo mistero, un gruppo di ricercatori dell’Università di Bradford, guidato da Hassan Ugail, ha sviluppato un algoritmo personalizzato basato sull’intelligenza artificiale. L’algoritmo è stato addestrato utilizzando tutte le opere attribuite con certezza a Raffaello, analizzando dettagliatamente lo stile dell’artista, dalle pennellate alla tavolozza dei colori, all’ombreggiatura e ad ogni altro aspetto.

I risultati dell’analisi sono stati sorprendenti. Sebbene l’IA abbia confermato che la maggior parte del dipinto (la Madonna, il Bambino e San Giovanni Battista) può essere attribuita a Raffaello, la figura di San Giuseppe è molto probabilmente il risultato di un’altra mano artistica. Questa scoperta conferma le ipotesi avanzate nel corso dei secoli da alcuni esperti d’arte e dimostra come l’IA possa affiancare gli esperti nel processo di autenticazione delle opere d’arte, senza sostituirli. L’algoritmo basato sull’IA ha offerto una nuova prospettiva nel dibattito sull’attribuzione dell’opera, aprendo nuove possibilità per l’utilizzo di questa tecnologia nel campo dell’arte.

Il recente studio sull’attribuzione del dipinto della Madonna della Rosa a Raffaello dimostra come l’IA possa svelare misteri artistici, offrendo un supporto agli esperti d’arte nel processo di autenticazione delle opere. Questa scoperta evidenzia il potenziale dell’IA nel campo dell’arte e invita a una maggiore collaborazione tra tecnologia e competenze umane per preservare e valorizzare il nostro patrimonio culturale.

di Luisa D’Elia

La Madonna della Rosa di Raffaello Sanzio

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Lago di montagna - ph. kordi_vahle

Laghi alla plastica su Alpi e Prealpi italiane

Una ricerca in collaborazione con le Università di Milano e del Piemonte Orientale svela una massiccia presenza di microplastiche anche in alta quota Microplastiche, frammenti e residui di...
Wood Architecture Prize - Roberto Rocca Innovation Building

A Milano una costruzione premiata per l’architettura in legno 

Il Roberto Rocca Innovation Building di Filippo Taidelli Architetto si è aggiudicato il Wood Architecture Prize by Klimahouse, primo premio italiano per l'architettura in legno Il Roberto Rocca...