Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Luglio 2022 | Attualità

“Lo sapevi che?”: un portale per scoprire l’Italia nascosta

Online il nuovo viaggio.italia.it per raccontare le meraviglie del nostro Paese, dai borghi, ai paesaggi, dai cammini ai sapori. È il primo progetto turistico organico realizzato congiuntamente da tutte le istituzioni.  

È nato un nuovo portale per scoprire “L’Italia che non sapevi”. Un progetto turistico che riunisce le regioni italiane nell’ambito del Piano di promozione nazionale 2020 del Ministero del Turismo. L’obiettivo? Portare alla luce la bellezza di borghi e paesaggi italiani più nascosti, rilanciare il turismo lento e quello attivo. Il racconto avviene sul sito web viaggio.italia.it un dominio di secondo livello del portale italia.it gestito da Enit che collabora alla strategia di promozione e all’accordo di programma tra il Ministero e la Commissione Politiche per il turismo, coordinata dalla regione Abruzzo, della conferenza delle regioni e delle province autonome.

Capofila dell’iniziativa sono le regioni Emilia Romagna, Umbria e Marche. Ognuna ha il compito di valorizzare una tematica specifica, affiancando l’Abruzzo che è responsabile degli aspetti legati all’interoperabilità con Tourism Digital HUB, strumento digitale con cui si favorisce il collegamento dell’intero ecosistema turistico italiano.  L’Emilia Romagna guida alla scoperta di “Borghi e paesaggi italiani, identità, stile, qualità della vita”, l’Umbria ci farà amare il “Turismo lento: cammini, enogastronomia, arte, beni culturali” e le Marche si focalizzano su “Turismo attivo: bike, nautica, nordic walking e attività outdoor per l’estate e l’inverno”.

In ogni sezione del portale (borghi, paesaggi, cammini e sapori) sono presenti informazioni e video suddivisi per le diverse regioni di tutta Italia per regalare una panoramica utile a programmare itinerari ed esperienze. Online anche una accattivante mappa interattiva dell’Italia, fruibile anche da mobile, e sul canale YouTube di Enit una playlist di 7 video, ognuno dei quali mostra alcune specificità di tre regioni.

L’iniziativa è sostenuta anche da una campagna di promozione turistica congiunta il cui presupposto è che “non basterebbe una vita per scoprire tutta l’Italia”. Quindi attraverso il concept “Scopri l’Italia che non sapevi” si sottolinea questa consapevolezza. La struttura dello storytelling è pensata a partire dallo stesso concetto, in forma interrogativa, “Lo sapevi che?”, così da introdurre in modo coinvolgente tutte le peculiarità del nostro Paese, anche quelle meno note di carattere culturale, enogastronomico, responsabile e green. Un viaggio che viene disegnato esclusivamente su mezzi di trasporto sostenibili.

In linea con questo approccio, il progetto si concentrerà su tre prodotti per valorizzare attraverso itinerari e percorsi queste modalità di viaggio: le vie del mare, le vie del bike e le vie del nordic walking. Per promuovere i borghi, invece, nei prossimi mesi sarà creata una mappa nazionale e interattiva che consentirà di esplorare mille borghi e paesaggi italiani.

Guardando all’estero, 21 “ambasciatori” internazionali (uno per ogni regione) scopriranno oltre 60 borghi italiani, vivendoli come se fossero dei “local”, con l’obiettivo di raccontare un’offerta turistica a 360° fatta di turismo attivo.

Sui social l’hashtag è #viaggioitaliano e il nome delle pagine Facebook e Instagram è @viaggio.italia.it

 

di Valentina Colombo

Guarda anche:

Italiani, navigatori, poeti, turisti e … ospitanti

L’Italia, con 72.869 ingressi, è la prima nazione nella classifica dei turisti esteri in Giordania nel 2022; la classifica redatta dal ministero del Turismo e delle antichità giordano vede al 2° e...
Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...