Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

21 Maggio 2008 | Attualità

Mediaset acquista il 25% del canale maghrebino

Il gruppo Mediaset estende la propria presenza anche in Nord Africa con l’acquisto del 25% dell’emittente maghrebina Nessma. Nessma tv è un canale satellitare con sede a Tunisi; nato nel 2007, è stato fondato dal gruppo Karoui&Karoui World. La rete è vista soprattutto dal pubblico locale e si rivolge agli spettatori di Algeria, Libia, Marocco e Tunisia, un audience omogeneo per lingua, cultura, geografia e in forte espansione economica e demografica. La zona del Maghreb conta 80 milioni di persone. Gli abitanti del territorio hanno un’età media di 25 anni e l’offerta di Nessma tv è indirizzata  soprattutto a quel segmento di pubblico. Il palinsesto ha una forte impronta internazionale e offre film, serie tv, videoclip musicali e format come “Star accademy”, produzione Endemol, in onda nella scorsa stagione. Il canale nordafricano sarà presto visibile via satellite anche nell’Europa mediterranea dove la comunità maghrebina conta oltre 10 milioni di individui. Publieurope, concessionaria pubblicitaria europea del gruppo Mediaset, si occuperà della raccolta in esclusiva di Nessma Tv in Europa. Dopo gli accordi sottoscritti, il capitale risulta suddiviso tra Karoui&Karoui World (50%), Mediaset Group (25%) e Quinta Communication (25%).

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.