Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

26 Gennaio 2006 | Economia

MICROSOFT SI PIEGA ALL’EUROPA: RENDERà NOTI I CODICI SORGENTI DI WINDOWS

Microsoft si adegua alle decisioni di Bruxelles e renderà noto il codice sorgente di Windows per permettere l’interoperabilità del suo sistema con altri software prodotti da terzi. La decisione è stata presa per evitare di pagare le multe salate inflitte a Microsoft dalla Ue. La prima stangata era arrivata nel marzo 2004 quando l’Antitrust europeo aveva multato il colosso di Bill Gates di 497 milioni di euro e gli aveva ordinato di offrire una versione di Windows senza il software Media Player. A dicembre 2005 la Ue aveva poi minacciato l’azienda di multarla di 2 milioni di dollari al giorno per aver disobbedito alla sentenza del 2004. Da qui la decisione di Microsoft, che darà in licenza a pagamento il codice sorgente di Windows senza poterlo pubblicare gratis. Bill Gates è comunque ricorso in appello contro le decisioni di dicembre: l’udienza è fissata per il 24 aprile davanti al tribunale di primo grado della Ue. Intanto Microsoft ha annunciato l’apertura di un laboratorio di ricerca per sviluppare tecnologie per Internet.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...