Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

25 Gennaio 2013 | Economia

Microsoft sotto le attese, ma Windows cresce

Microsoft ha concluso un altro trimestre di transizione, con ricavi in crescita del 2,7%, a 21,46 miliardi di dollari, e utili netti in discesa del 3,7%, a 6,38 miliardi. Dati un poco al di sotto delle stime degli analisti, senza acuti né tonfi. Il crollo del mercato dei pc ha intaccato solo in minima parte i conti della compagnia, mentre il flop di Surface è stato compensato dalla crescita costante dell’area Windows. Il sistema operativo è riuscito a rilanciarsi abilmente con Windows 8 , che ha venduto 60 milioni di licenze in due mesi e mezzo. Il software sembra aver convinto pubblico e tecnici, e sta sfondando anche nel comparto mobile. I ricavi legati al prodotto più noto di casa Microsoft sono saliti del 24% tra ottobre e dicembre (a 5,88 miliardi di dollari), mentre le partnership con Nokia e Htc hanno contribuito ad allargare la presenza del sistema nel settore smartphone. Decisamente meno brillante la prestazione di Surface: il tablet, nella sua versione basic, è stato un mezzo fiasco, tanto che le residue speranze di sfondare nel mercato specifico sono ora affidate a Pro, versione avanzata dell’originale lanciato poche settimane fa. Il calo più vistoso è quello del settore entertainment, con Kinect e Xbox senza novità da proporre a un’utenza logora e a un mercato fiaccato da crisi e giochi online. Nel complesso, Microsoft naviga a vista ma con qualche buono scorcio all’orizzonte: qualche occasione è stata persa, ma i vecchi cavalli di battaglia danno ancora soddisfazione.

Guarda anche:

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...