Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Maggio 2013 | Attualità

Milly Carlucci non diffamò Baila e la D’Urso

Milly Carlucci è stata prosciolta dall’accusa di aver diffamato Barbara D’Urso e la Rti per alcuni giudizi espressi in merito al programma Baila . Lo ha deciso il gip di Roma che ha accolto le argomentazioni della procura, la quale aveva sollecitato l’archiviazione del procedimento. La querela costituiva uno strascico del contenzioso in sede civile al termine del quale era stato riconosciuto che Baila era troppo somigliante a Ballando con le stelle. Da qui la dichiarazione di plagio. Milly Carlucci, parlando del programma che doveva essere condotto dalla D’Urso, lo equiparò alle “borse false e alle patacche di orologi” , suscitando il risentimento e l’azione penale per diffamazione da parte di quest’ultima e della Rti. Nelle motivazioni all’archiviazione del procedimento, il gip scrive che “ nel tentativo di tradurre in termini di uso comune il concetto giuridico di plagio contraffattorio, peraltro su diretta sollecitazione della conduttrice, Milly Carlucci, ha utilizzato una similitudine acquisita dalla vita quotidiana”.

Guarda anche:

L’ Al al servizio della tutela del patrimonio culturale italiano

In Italia il traffico illecito di beni culturali viene contrastato dal personale del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC) con il supporto di piattaforme e archivi informatici...

Fondazione Italia Patria della Bellezza premia le realtà culturali italiane importanti ma poco note

Sono 22 le realtà culturali vincitrici del "Premio 2024 della Fondazione Italia Patria della Bellezza" giunto alla sua quarta edizione, di cui 3 premiate con un contributo complessivo di 60.000 euro...
Uomo nel grano - ph Pexels

Cibo Made in Italy non ci sarebbe senza il lavoro degli immigrati

Secondo nove casi studio sono centinaia di migliaia le persone giunte in Italia dall'estero che lavorano per i prodotti tipici italiani Fino al 50% di manodopera straniera dietro alle filiere....