Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

31 Marzo 2008 | Attualità

Montalbano torna e cede alla tentazione

Montalbano non resiste al sesso e cede alla passione e all’erotismo. Il Commissario, personaggio a cui Luca Zingaretti non ha saputo dire addio, torna sul set il 31 marzo, a Marina di Ragusa, per i quattro nuovi film tratti dai gialli di Andrea Camilleri: “La luna di carta”, “Le ali della sfinge”, “La vampa d’agosto” e “La pista di sabbia”. Il lavoro sarà consegnato a Natale prossimo per andare in onda su Raiuno nel 2009. “La cosa più bella sono i personaggi femminili. Il mito di Montalbano che sa resistere alle storie d’amore”, dice il regista Alberto Sironi, “finalmente crolla. Camilleri è uno dei pochi autori popolari che ama le donne e si vede da come le tratta e rispetta”. Con le nuove figure femminili arrivano anche nuovi attrici nel cast della serie che nei 14 tv movie da ascolti record anche nelle numerose repliche non ha mai cambiato sceneggiatore (Francesco Bruni e lo stesso Camilleri), regista (Sironi), produttore (Palomar), interpreti principali (Zingaretti, Cesare Bocci nel ruolo di Mimì Augello, Peppino Mazzotta in quello dell’ispettore Fazio e Angelo Russo nella parte di Catarella e autori della fotografia (Stefano Ricciotti e Franco Letta). “Questa continuità è una cosa”, dice Sironi, “che non ha nessuna serie tv al mondo. Abbiamo voluto bene a questi film e si vede”   Sironi non ha mai avuto dubbi che Zingaretti pur avendo annunciato nel 2005, al compleanno per gli 80 anni di Camilleri, l’addio al personaggio, sarebbe tornato a farlo: “Luca aveva bisogno di lasciar riposare il suo personaggio. Per evitare la routine noi abbiamo fatto uno stop una volta di due anni, ora di tre. Un personaggio come Montalbano nel cinema italiano non c’è. Abbiamo perso il genere della commedia popolare”. Le riprese dovrebbero finire intorno a ferragosto. Si gira a Ragusa e Marina di Ragusa, Scicli, Modica e il commissariato è ricostruito in studio come negli ultimi sei anni.

Guarda anche:

A Torino le navette viaggiano da sole

Il progetto pilota ha lo scopo di offrire, per la prima volta in una città italiana, un trasporto pubblico flessibile lungo un percorso sperimentale di circa 2 km. Il processo sarà ufficializzato...

Dart contro l’asteroide:  arrivano le immagini dal mini-satellite tutto made in Italy 

E’ la prima volta che il genere umano modifica lo stato orbitale di un corpo celeste. A fotografare questa unicità nella storia dello spazio è stato uno strumento realizzato da una squadra di...

l gran rifiuto dell’Italia

Da uno studio statistico pubblicato da Eurostat, dal 2004 al 2020 la quantità di rifiuti riciclati è aumentata in modo significativo: da 870 milioni di tonnellate nel 2004 ai 1.221 milioni di...