Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

28 Marzo 2007 | Attualità

Nasce l’Osservatorio sui contenuti digitali

Aie, Aidro, Fimi, Univideo e Cinecittà Holding hanno costituito un Osservatorio permanente sui contenuti digitali . L’Osservatorio, che sviluppa e amplia quanto fatto già dall’Osservatorio sull’editoria digitale realizzato dall’Anie dal 1999, vuole offrire una fotografia completa dei contenuti digitali disponibili nel mercato italiano avvalendosi della collaborazione di AcNielsen.  La ricerca si basa su un campione rappresentativo della popolazione italiana di 8.500 individui maggiori di 14 anni. I risultati della ricerca saranno presentati in occasione di una conferenza stampa che si terrà a Roma il prossimo 9 maggio 2007.  Oltre a prendere in esame le modalità di lettura, consultazione, accesso, ascolto e utilizzo dei vari contenuti digitali (testi, musica, video e cinema) sulle varie piattaforme tecnologiche, l’indagine intende affrontare i vari aspetti che modificano il consumo dei contenuti da quando la tecnologia è diventata parte integrante della vita quotidiana. I comportamenti dei nuovi “consumatori digitali” sono oggetto di analisi assieme alle possibilità offerte dai nuovi strumenti di comunicazione, come i pluridecorati canali YouTube o MySpace.

Guarda anche:

Italiani, navigatori, poeti, turisti e … ospitanti

L’Italia, con 72.869 ingressi, è la prima nazione nella classifica dei turisti esteri in Giordania nel 2022; la classifica redatta dal ministero del Turismo e delle antichità giordano vede al 2° e...
Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...