Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

26 Gennaio 2006 | Innovazione

NEL 2005 UCCISI 150 OPERATORI dELL’INFORMAZIONE. IFJ CONDANNA LA CULTURA DELL’INDIFFERENZA

Lo scorso anno sono stati uccisi 150 fra giornalisti e operatori dei media e la situazione può solo peggiorare se i leader politici non prenderanno provvedimenti per portare davanti alla giustizia gli assassini. Lo afferma l’International Federation of Journalists (Ifj) nel rapporto sulle vittime dei media del 2005. “In oltre il 90% dei casi ci sono poche indagini serie da parte delle autorità – dice Aidan White, segretario generale dell’Ifj – e solo pochi assassini arrivano al processo. Una combinazione di corruzione della polizia, incompetenza giudiziaria e indifferenza politica ha creato una cultura della negligenza e dell’indifferenza”. I paesi più pericolosi per i giornalisti sono l’Iraq (35 morti), le Filippine (10) oltre a Colombia, Messico e Haiti.

Guarda anche:

Ocean-UdoSchroeter

Ricercatrice italiana trova un metodo per capire lo stress dei mari

Camilla Sguotti, del dipartimento di Biologia di Padova, è la prima autrice di uno studio internazionale che indaga i cambiamenti nei sistemi naturali complessi Non c'è latitudine che tenga: le...
La foto di Lukas Demetz e Rolando Ligustri - dal sito uai.it

Scatto italiano per una recente foto del giorno Nasa

È lo scatto dell'anticoda della cometa 12P realizzato da Lukas Demetz e Rolando Ligustri Mentre qualcuno ha sorriso per la cosiddetta "cometa cornuta" con due code, due esperti astrofili italiani...

Nei Paesi OCSE l’economia digitale supera quella reale, l’Italia terz’ultima in classifica

I dati dell''Oecd Digital Economic Outlook’, pubblicate dall’Ocse, mostra come nell’ultimo decennio, gennaio 2013 – aprile 2023, il settore ICT sia cresciuto quasi tre volte più velocemente...