Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

14 Gennaio 2013 | Economia

Niente più pc, tutta colpa dei tablet

Le  vendite dei pc stanno calando vertiginosamente a causa dell’altissima domanda registrata per i dispositivi mobile quali tablet e smartphone , che i consumatori stanno dimostrando di preferire rispetto alle prime soluzioni. Il black friday, il Natale e le novità annunciate dopo la distribuzione di Windows 8 non sono servite a recuperare una situazione che si profila sempre peggiore: negli ultimi tre mesi del 2012, in tutto il mondo sono stati venduti solamente 89,8 milioni di pc, il 6,4% in meno rispetto all’ultimo trimestre dell’anno precedente. È Idc a diramare le stime preliminari relative al panorama pc nell’ultimo periodo del 2012, con dati che dimostrano come le vendite continuino a calare trimestre dopo trimestre. Infatti, anche i numeri per l’intero 2012 hanno registrato una flessione passando a un -3.2%, con i produttori che hanno venduto 352,4 milioni di unità a livello globale. Secondo quanto sottolineato dalla società di analisi, si tratta della prima volta negli ultimi cinque anni in cui le venditediminuiscono durante la stagione natalizia. Persino Apple ha registrato numeri in calo per i Mac rispetto a quanto visto un anno fa, probabilmente a causa del successo ottenuto dal tablet iPad.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...