Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

16 Gennaio 2013 | Attualità

No di Dylan Dog a Ingroia

L’ex pm Antonio Ingroia non ha arruolato soltanto Sandro Ruotolo e Giovanni Favia nelle fila di Rivoluzione civile . Sui manifesti del suo movimento hanno fatto capolino i più famosi personaggi dei fumetti e dei cartoni animati . Da Candy Candy a Mafalda, dai Simpson al nonno di Heidi, senza dimenticare i Puffi, Super Mario e Nonna Papera. Gli ironici manifesti sono stati pubblicati dalla sezione sarda del movimento, per la precisione sulla pagina facebook di Rivoluzione Civile Sulcis.  La trovata però, non è piaciuta a tutti. La casa editrice che pubblica le tavole di Tex Willer e Dylan Dog ha diffidato il partito di Ingroia dall’utilizzare i propri personaggi : “ Sergio Bonelli Editore, proprietaria del nome e dei diritti di utilizzazione del personaggio Dylan Dog – recita la nota ufficiale – dichiara di non essere in alcun modo affiliata o di sostenere, con l’immagine di Dylan Dog o di qualunque altro personaggio della casa editrice, alcuna formazione politica, e diffida dall’utilizzo illecito del nome e dell’immagine delle sue proprietà intellett uali”.

Guarda anche:

A Torino le navette viaggiano da sole

Il progetto pilota ha lo scopo di offrire, per la prima volta in una città italiana, un trasporto pubblico flessibile lungo un percorso sperimentale di circa 2 km. Il processo sarà ufficializzato...

Dart contro l’asteroide:  arrivano le immagini dal mini-satellite tutto made in Italy 

E’ la prima volta che il genere umano modifica lo stato orbitale di un corpo celeste. A fotografare questa unicità nella storia dello spazio è stato uno strumento realizzato da una squadra di...

l gran rifiuto dell’Italia

Da uno studio statistico pubblicato da Eurostat, dal 2004 al 2020 la quantità di rifiuti riciclati è aumentata in modo significativo: da 870 milioni di tonnellate nel 2004 ai 1.221 milioni di...