Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

16 Gennaio 2013 | Economia

Parla Sculley: Apple sbaglia, serve il low cost

Se vuole sperare di mantenere il ruolo di regina del mercato mobile,  Apple deve cambiare strategia, ampliare la propria gamma di prodotti e includere anche dispositivi a costo ridotto. Lo dice John Sculley , ex ceo della compagnia americana. Secondo Sculley, dopo un triennio di crescita forsennata il segmento smartphone è quasi saturo e Samsung la fa da padrona con oltre cento milioni di esemplari della serie S venduti in tutto il mondo. La Mela, che per la prima volta da quando ha commercializzato iPhone si trova di fronte un rivale credibile , ha dovuto tagliare gli ordini dei pezzi per iPhone 5 (già piazzati) e tentenna anche a Wall Street. L’unica soluzione utile ad aggredire nuovamente il mercato e a ribaltare le carte in tavola sarebbe la presentazione di un cellulare Apple low cost . Il pensiero di Sculley, che avrebbe fatto inorridire l’elitista Steve Jobs, ha certamente qualche promotore anche all’interno dell’azienda di Cupertino, tanto che nelle ultime settimane si è spesso parlato di un Melafonino a basso prezzo. La società però ha smentito ufficialmente le voci.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...