Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

4 Novembre 2023 | Ambiente, Economia

Per gestire i Bitcoin serve più di metà elettricità che tiene in piedi l’Italia

Lo rivela uno studio appena pubblicato sul sito dell’UNU, Università delle Nazioni Unite. Servirebbero anche 3,9 miliardi di alberi per bilanciare le loro emissioni

Si fa presto a dire economia virtuale, ma gli effetti sull’ambiente restano drammaticamente reali e concreti. Secondo uno studio realizzato da Kaveh Madani dell’Università delle Nazioni Unite (UNU), pubblicato sulla rivista Earth’s Future e già disponibile anche sul sito del comparto accademico dell’Onu, la gestione dei Bitcoin – la prima e più diffusa forma di criptovalute – è davvero dispendiosa in termini di risorse energetiche e ambientali. In un anno queste monete digitali consumerebbero più della metà dell’elettricità usata in Italia e l’acqua necessaria a 300 milioni di contadini dell’Africa sub-sahariana, senza contare le loro emissioni, per bilanciare le quali servirebbero 3.9 miliardi di alberi.

A essere particolarmente energivoro è il meccanismo noto come “mining”, cioè il processo informatico necessario a validare le transazioni e che permette la costante crescita della rete. Nel biennio 2020-2021 oggetto di studio il mining dei Bitcoin ha consumato 173.42 Terawatt Ore di elettricità (l’Italia ne consuma 295). Secondo lo studio di UNU, peraltro, la maggior parte dell’energia usata per il mining dei Bitcoin arriva da fonti fossili: il 45% dal carbone e il 21% da gas naturale. Drammatica anche quantità di acqua necessaria, pari all’uso che ne farebbero 300 milioni di persone dell’Africa subsahariana. Enorme, quindi, l’impronta ambientale in termini di emissioni di carbonio, equivalente a 190 centrali elettriche a gas naturale, per compensare le quali sarebbe necessario piantare 3.9 miliardi di alberi, il 7% della foresta amazzonica.

Le criptovalute hanno assunto un ruolo importante nell’economia mondiale, in particolare nei mercati finanziari e nel trading. Nonostante alcuni momenti di svalutazione, la loro produzione (e il processo di minino) continua a crescere, concentrata in particolare in Cina. Quest’anno, in particolare, i Bitcoin hanno continuato a crescere raddoppiando il loro valore e superando i 34.000 dollari (+106% dall’inizio dell’anno): un dato particolarmente allarmante per l’ambiente.

di Daniela Faggion
I Bitcoin hanno un forte impatto sull'ambiente

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Lago di montagna - ph. kordi_vahle

Laghi alla plastica su Alpi e Prealpi italiane

Una ricerca in collaborazione con le Università di Milano e del Piemonte Orientale svela una massiccia presenza di microplastiche anche in alta quota Microplastiche, frammenti e residui di...
Nuove modalità di turismo in relazione ai cambiamenti climatici - ph.Timrael

Primo studio italiano sul rapporto clima-turismo

Secondo “Turismo Climate-sensitive" di ENIT il riscaldamento globale cambia le abitudini dei turisti e porterà nuovi comportamenti di scelta Secondo Copernicus Climate Change Service, il 2023 è...