Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

16 Febbraio 2006 | Attualità

PER IL GOVERNO CINESE NON C’è CENSURA, CONGRESSO USA ATTACCA BIG DEL WEB

Secondo il governo cinese nessuno è stato arrestato per aver espresso la propria opinione online, i cinesi hanno libero accesso alla rete e i siti internet bloccati perché “dannosi” sono pochissimi. Per gli ex-dirigenti del Partito comunista e per le organizzazioni umanitarie gli arresti di cyberdissidenti sono tra 50 e 60. A essi avrebbero contribuito aziende statunitensi come Yahoo, Google e Microsoft fornendo alla Cina le informazioni informatiche necessarie per la loro identificazione. Il Congresso Usa ha apertamente accusato i colossi internet di connivenza con il governo cinese, sostenendo che finora hanno avuto un atteggiamento “riprovevole”

Guarda anche:

scuola

La scuola italiana tra le più stressanti al mondo

WeWorld afferma che tra i sistemi scolastici più stressanti al mondo c’è quello italiano e propone tre interventi per renderla più inclusiva e attenta al benessere fisico e psicologico degli...
cibo a regola d'arte

A lezione di cucina dai grandi chef stellati a Milano

Si può fare e a costi accessibili (da 39 a 59 € a lezione), grazie a Cibo a Regola d’Arte, il food festival del Corriere della Sera, che si terrà a Milano dal 27 al 29 maggio alla Fabbrica del...

Turismo: i numeri delle vacanze estive

Il 2022 registra un +35% di presenze rispetto al 2021. 9 italiani su 10 trascorreranno le ferie estive in Italia. Ci saranno più di 92 milioni di arrivi e quasi 343 milioni di presenze tra italiani...