Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Dicembre 2008 | Attualità

Perchè Sanremo è (sempre il solito) Sanremo

I conduttori cambiano e annunciano rivoluzioni, tolgono e aggiungono vallette e dopofestival nella speranza di dare un’impronta allo show che, perchè no, si faccia sentire anche nella curva degli ascolti. A livello musicale però, livello che dovrebbe essere protagonista indiscusso, si punta sempre sulle stesse carte : tradizione, cuore, amore e un timido tentativo di catturare l’attenzione dei più giovani. La ‘vecchia guardia’ c’è Albano, Fausto Leali, Marco Masini, Patty Pravo e Ivana Zanicchi a dare l’impressione che nella città dei fiori gli anni non passino mai. Rappresentata anche la categoria di quelli che ‘toglietemi tutto ma non Sanremo’ : Povia, Tricarico, Francesco Renga e Alexia. Ci sono poi i due ‘prodotti televisivi’ , Marco Carta – scuola Amici di Maria de Filippi (Canale 5) – e Dolcenera – Music Farm (Raidue) -,  e quelli ‘amati dai giovani’ , gli Afterhours e i Gemelli diversi. E se Alexia propone il duetto, salendo sul palco con Mario Lavezzi, Pupo, Paolo Belli e Youssou’N Dour tentano il tutto per tutto presentandosi come trio . Sulle orme dei vincitori dello scorso anno , si esibirà la coppia Nicky Nicolai e Stefano Di Battista e a fare le veci del signor nessuno , immancabile ogni anno fra i big, Sal Da Vinci. Le canzoni? Povia cavalca l’onda Tatangelo e, dopo i Bambini fanno oh , osa con Luca era gay . Albano non si smentisce e ricorda che L’amore è sempre amore , e se vai a Sanremo non puoi non portartelo dietro aggiungiamo noi. Lo sanno bene anche Dolcenera, Il mio amore unico , Iva Zanicchi, Ti voglio senza amore e Sal Da Vinci, Non riesco a farti innamorare . Si prosegue poi con L’Italia ( Masini), Dentro ad ogni brivido (Carta), Vivi per un miracolo (Gemelli Diversi), Più sole (Nicolai e Di Battista), E io verrò un giorno là (Patty Pravo), L’opportunità (Pupo-Belli-Youssou’n Dour), L’uomo senza età (Renga) e Il Bosco delle fragole (Tricarico). Facendo scorrere la lista delle Proposte invece si individuano due ‘figlia di’ e due concorrenti di altrettanti talent-show. Come prima di lei Daniele Battaglia e Francesco Facchinetti, salirà sul palco dell’Ariston Chiara Canzian , accompagnata da Roberto Vecchioni e con la canzone Prova a dire il mio nome , a rappresentare il team dei Figli dei Pooh . L’altro cognome illustre è Fornaciari , la figlia di Zucchero Irene sarà accompagnata da papà, Maurizio Vandelli, Dodi Battaglia e Fio Zanotti nell’esecuzione di Spiove il Sole .  X Factor e Amici saranno rappresentati , rispettivamente, da Silvia Aprile ( Un destino arriverà – accompagnata da Pino Daniele) e Karima ( Come ogni ora – accompagnata da Burt Bacharach). Gli altri giovani in gara sono Iskra con Lucio Dalla ( Quale amore ), Filippo Perbellini con Riccardo Cocciante ( L’orgoglio ), Malika Ayane con Gino Paoli ( Come foglie) , Barbara Gilbo con Massimo Ranieri ( Che ne sai di me ), e le due vincitrici di Sanremo Lab , Arisa ( Sincerità ) e Simona Molinari ( Egocentrica ), rimaste per ora senza partner. L’appuntamento è dal 17 al 21 febbraio e rimangono a questo punto da svelare i nomi delle figure femminili che affiancheranno Paolo Bonolis. Negli ultimi giorni è stato data per certa la partecipazione di Monica Bellucci , ma l’aspetto rimane, come è giusto che sia per tenere alto l’interesse, avvolto ancora nel mistero.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.