Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

3 Aprile 2013 | Attualità

Pino Insegno, la sua Reazione a catena

Non c’è pace per il preserale della prima rete della tv di Stato. Il neo direttore Giancarlo Leone   può vantare su due prodotti ( L’Eredità e Affari Tuoi) molto forti e che realizzano quotidianamente dei buoni risultati d’ascolto, ma allo stesso tempo sta cercando di mettere a punto delle alternative valide per non utilizzare troppo i due quiz al momento in onda. L’Eredità di Carlo Conti cede il passo, ormai dal lontano 2007, al quiz estivo di Rai 1: Reazione a catena . Dopo una lunga stagione televisiva, nel prossimo giugno ci sarà l’alternanza tra i due quiz. Portato al successo da Pupo , il quiz è stato condotto dal 2010 da Pino Insegno , volto particolarmente vicino all’ex direttore di rete Mauro Mazza. Con l’approdo a Rai 1 di Leone, si era ipotizzata una possibile sostituzione del comico con altri conduttori. Dapprima si era fatto il nome di Enrico Papi , poi si è pensato ad un ritorno di Pupo ed infine a un conduttore non nuovo a quella fascia oraria: Amadeus . La vicenda si è conclusa: la conduzione del quiz resta saldamente nelle mani di Pino Insegno.

Guarda anche:

Pompei

La tecnologia entra nella storia di Pompei

Nuove iniziative sperimentali per il recupero di reperti del Parco archeologico di Pompei sono realizzate grazie al digitale e alla robotica e con il contributo di realtà italiane e internazionali....
Eustorgio

A Milano nasce il più grande archivio di documenti storici d’Europa

Il Comune di Milano ha approvato la realizzazione del nuovo impianto di archiviazione all’interno della Cittadella degli archivi di Milano. La ricerca dei documenti è affidata a Eustorgio, un robot...

Alimentari, fiore all’occhiello del Paese, i maggiori rincari nel 2022

Il 2022 si apre con un vero e proprio boom di rincari. Non solo l’ennesimo allarme contagi con la galoppante diffusione della variante Omicron in tutta Europa, ma a complicare la vita degli italiani...