Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Ottobre 2022 | Attualità

Presentata #nonèdamaschio, la campagna di InspirinGirls Italia contro i pregiudizi di genere a scuola e sul lavoro

Torna #nonèdamaschio, la campagna di InspiringGirls, progetto internazionale che ha l’obiettivo di creare nelle ragazze consapevolezza del proprio talento, liberandole dagli stereotipi di genere a scuola e sul lavoro. 

A raccontare quest’anno le loro storie e le loro esperienze, cinque role model che si sono affermate in ambienti generalmente considerati “maschili”, spesso preclusi alle donne o in cui le donne faticano ancora oggi a farsi strada: Shalini Kurapati, imprenditrice indiana trapiantata a Torino, CEO e co-fondatrice della startup di intelligenza artificiale Clearbox AI;  Arianna Tricomi, triplice campionessa mondiale di sci freestyle che sogna di diventare guida alpina; Michela Giraud, prima stand-up comedian italiana donna a realizzare uno speciale tutto suo, distribuito da Netflix in 190 Paesi; Chiara Giamundo, la prima palombara nella storia della Marina Militare italiana; Silvia Marziali, unico arbitro donna nella Seria A di pallacanestro maschile, oltre che tenente dell’Aeronautica Militare e medico di prima linea.

La ricerca Ipsos sul gender gap

Una sfida contro il gender gap che parte sin dall’istruzione scolastica, per spingere a un cambiamento culturale difficile da affermare, come rivela l’indagine “Sognando il futuro e il lavoro: opinioni e attitudini dei giovani studenti italiani”, realizzata da Ipsos. Lo studio indaga come i giovani italiani immaginano il loro futuro lavorativo, quali attitudini e valori ispirano i loro approcci e quali ostacoli e stereotipi intravedono nel loro percorso per comprendere ciò che influenza le loro scelte.

Dalla ricerca, nella sua prima parte sugli studenti e studentesse delle scuole secondarie di primo grado (un campione di 500 studenti di età̀ compresa tra gli 11 e i 14 anni, iscritti all’anno scolastico 2021-2022) emerge quanto la società mostri alle nuove generazioni una realtà ancora troppo legata ai più tradizionali stereotipi e che sono spesso i genitori a percepire alcune attitudini con una forte connotazione di genere.

La propensione allo studio

Tra i ragazzi è diffusa l’idea di essere più portati per determinati ambiti di studio in quanto maschi: quasi il 50% pensa di essere più portato delle sue coetanee femmine in informatica, tecnologia ed educazione fisica, il circa 40% ne è convinto per quanto riguarda matematica e scienze e il 30% per educazione tecnica.

Il futuro immaginato

Risulta più plausibile per i ragazzi rispetto alle ragazze immaginare di avere un buono stipendio (47% contro 35%) e di fare esperienza all’estero (36% contro 31%). Al contrario, per le ragazze è più auspicabile avere un buon rapporto tra lavoro e vita privata (48% contro 43%) e seguire l’esempio della propria famiglia (22% contro 16%).

Le attitudini dei ragazzi/e

Se lo studio è importante per 1 giovane su 3 a prescindere dal genere, sono più i ragazzi rispetto alle ragazze a prediligere l’essere ambiziosi (13% contro 9%) e il conoscere molte persone (9% contro 5%). Le ragazze invece ritengono importante dimostrare passione e perseveranza (29% contro 20%).

I modelli dei giovani

Per i ragazzi il padre si conferma come maggiore fonte di ispirazione per il futuro (53%), a seguire, lontanissima, la madre (35%). Per le ragazze è la madre al primo posto (49%), seguita dal padre (45%).

Le sei professioni più ambite

Infine, sono sei i mestieri più ambiti dagli studenti e dalle studentesse. Il lavoro a cui punta la maggioranza, a prescindere dal genere, è il medico (14% ragazzi, 15% ragazze). Per i ragazzi, al secondo posto troviamo l’ingegnere (9%), al terzo il calciatore (8%), seguiti da militare (6%), veterinario (5%) e informatico (5%). Per le ragazze, invece, al secondo posto troviamo l’insegnante (9%), al terzo l’artista (9%), seguiti da veterinaria (8%), ingegnere (5%) e militare (5%).

 

Il video della campagna #nonèdamaschio
https://www.youtube.com/watch?v=CiTCBe4kFbA

 

La ricerca integrale “Sognando il futuro e il lavoro – Opinioni e attitudini dei giovani studenti italiani”, realizzata da IPSOS per Valore D, è consultabile a questo indirizzo: https://valored.it/ricerche/sognando-il-futuro-e-il-lavoro/

 

di Serena Campione

Guarda anche:

Bergamo Porta Sud, progetto di respiro internazionale

La riqualificazione della più grande area dismessa della città di Bergamo, una porzione di territorio di quasi 400mila metri quadrati, a due passi dal centro cittadino, è realtà. Il Gruppo Vitali ha...

A -30 gradi a bordo di una bici

L’ultracyclist italiano Omar Di Felice è partito il 29 novembre per la traversata dell'Antartide in sella a una bicicletta, in solitaria; cercherà di percorrere 1.200 km per raggiungere il Polo Sud,...
Giovanni Ferrero

Nutella batte la moda: Giovanni Ferrero & Family più ricco di Pinault secondo Bloomberg

È Giovanni Ferrero l’italiano più ricco, è quanto emerge dal Bloomberg Billionaires Index a fine novembre, la classifica dei 500 uomini più ricchi del mondo che Bloomberg aggiorna ogni giorno dopo...