Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Aprile 2009 | Attualità

Pubblicità su internet è in buona salute

Uno studio della European Interactive Advertising Association ha rivelato le intenzioni delle più importanti agenzie pubblicitarie per il 2009: incrementeranno gli investimenti previsti, e a beneficiarne sarà quasi esclusivamente internet. Il 70% degli addetti ai lavori intervistati ha annunciato la disponibilità di nuovi fondi per l’online advertising. Il 46% dei pubblicitari ha affermato che le risorse passeranno dai magazine alla rete, il 32% prevede di spostare l’attenzione dai quotidiani al web, mentre il 37% taglierà le spese sugli spot televisivi e reinvestirà il denaro in siti e social network. Pubblicitari e addetti marketing considerano internet sempre più indispensabile per la buona riuscita di una campagna. Gli investimenti per banner e ad online crescono e tendono a essere sempre più internazionali: il 16% degli investimenti delle compagnie, nei prossimi mesi, saranno al di fuori dei mercati nazionali, incrementando la spesa pubblicitaria verso l’estero del 5% rispetto al 2008.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.